Crea sito
logo L'angolo dell'ARTE Alfredo Ossino
HOME GUESTBOOK TECNICHE DISEGNI TRATTATO PITTURA ECOLOGIA a disegni
GLOSSARIO GALLERIA POESIA MATERIALI STORIA dell'arte ALTRO
GRANDI ARTISTI
ANTONELLO da MESSINA
ARCIMBOLDO GIUSEPPE
BOCCIONI UMBERTO
BOTTICELLI SANDRO
BUONARROTI MICHELANGELO
CANALETTO
CARAVAGGIO
CEZANNE PAUL
COURBET GUSTAVE
CIMABUE GIOVANNI
DALI' SALVATOR
DAVID JACQUES LOUIS
DE CHIRICO GIORGIO
DEGAS EDGAR
DONATELLO
DURER ALBRECT
FATTORI GIOVANNI
FIUME SALVATORE
GIOTTO di BONDONE
GAUGUIN PAUL
GOYA FRANCISCO
GUTTUSO RENATO
KANDINSKIJ VASILIJ
KLIMT GUSTAV
TOULOUSE-LAUTREC
LEONARDO DA VINCI
MAGRITTE RENE'
MANET EDOUARD
MATISSE HENRI
JOAN MIRO'
MODIGLIANI AMEDEO
MONET CLAUDE
MORANDI GIORGIO
MUNCH EDVARD
PICASSO PABLO
PISSARRO CAMILLE
RAFFAELLO SANZIO
REMBRANDT
RENOIR AUGUSTE
RUBENS PIETER PAUL
SEGANTINI GIOVANNI
SEURAT GEORGES
SIGNORINI TELEMACO
SISLEY ALFRED
TINTORETTO
TIZIANO VECELLIO
VAN GOGH VINCENT
VELAZQUEZ DIEGO
CORRENTI ARTISTICHE
ACTION_PAINTING
ASTRATTISMO
BAROCCO
CUBISMO
DADAISMO
DECADENTISMO
DIVISIONISMO
ESPRESSIONISMO
FAUVES
FUTURISMO
GOTICO
IMPRESSIONISMO
INFORMALE
IPERREALISMO
LIBERTY
MACCHIAIOLI
METAFISICA
NEOCLASSICISMO
NAIF
POP ART
PUNTINISMO
REALISMO
RINASCIMENTO
ROMANTICISMO
ROCOCO
SURREALISMO

Storia dell'arte
Vita e opere dei principali artisti che hanno fatto la storia dell'arte.
Movimenti artistici e Principali Correnti artistiche.

Autore contenuti e webmaster: alfredo ossino

Alfredo Ossino su Google+

GIUSEPPE ARCIMBOLDO


VITA E OPERE

Giuseppe Arcimboldo
Giuseppe Arcimboldo
L'imperatore Rodolfo II in
veste di Vertumno
(1591)


arcimboldo il libbraio
Giuseppe Arcimboldo -
Il libraio (1566)


arcimboldo
Giuseppe Arcimboldo - Estate
Giuseppe Arcimboldo (da alcuni documenti risulta il cognome Arcimboldi), nasce a Milano nel 1526. Era figlio di Biagio, un aristocratico milanese che appartenendo al ramo cadetto della famiglia, faceva il Pittore.

Giuseppe, iniziò lavorando con il padre come pittore presso la Veneranda Fabbrica del Duomo di Milano, impegnato soprattutto nella realizzazione dei disegni delle vetrate e degli arazzi. Nel 1556 Arcimboldo lavora alla realizzazione di un grande affresco nel Duomo di Monza. Nel 1558 fu impegnato nel disegno per la realizzazione un arazzo nel Duomo di Como.

Non si hanno molte notizie sull’attività dell’artista nel periodo nel quale visse a Milano. Probabilmente non fu limitata al solo campo della pittura. Quasi sicuramente si occupò anche di caricatura.
Nel 1562, viene invitato alla corte di Vienna dal principe Massimiliano II d'Asburgo (futuro imperatore). Alla corte dell'imperatore Ferdinando I, Giuseppe Arcimboldo fu designato come ritrattista e nominato pittore di corte.
Ma il suo impegno non si limitò solo a questa attività, l’organizzazione e soprattutto la coreografia in tutti i suoi aspetti teatrali, ludici e la regia di eventi, furono tra le sue attività. La testimonianza di questo impegno e di questi lavori, sono i 148 disegni oggi visibili presso il Gabinetto dei disegni e delle Stampe degli Uffizi.

Nel 1563 Giuseppe inizia a dipingere quelle opere per le quali forse è maggiormente ricordato. Delle teste grottesche ottenute con la combinazione di oggetti, vegetali e animali in modo geniale e fantasioso. Queste opere manifestano il senso giocoso della ricerca del pittore, ma anche una profonda inquietudine. Le opere suscitano ammirazione per il modo geniale con il quale vengono composte, ma anche e spesso in molti spettatori un senso di repulsione per la loro grottesca innaturalità. Vengono guardate con attenzione per cogliere i particolari ed ammirare le soluzioni, ma lo sguardo non riesce ad indugiare a lungo, proprio per quel fastidio, che la visione suscita, facendo percepire malformazioni, che, anche se immaginarie, vengono tuttavia percepite.

In questo periodo realizza la serie di dipinti delle quattro stagioni, mentre due anni più tardi dipinge il bibliotecario, figura risultante dalla combinazione di una serie di libri.

Nel 1576, muore il suo protettore Massimiliano II d'Asburgo e Arcimboldo passa al servizio del nuovo imperatore Rodolfo II d'Asburgo, che stabilirà la nuova capitale dell'impero a Praga, dove l'artista lo seguirà.
I lunghi anni di lavoro prestati dall'artista a corte furono lautamente compensati economicamente ed anche con onorificenze.

Nel 1587 Arcimboldo torna a Milano, ma promette all'imperatore di rimanere al suo servizio.
Nel periodo successivo continuò a lavorare con impegno e la sua fama crebbe negli anni. Nel 1589 dipinge Ninfa e La flora, che invia a Praga, mentre nel 1591, dipinge il ritratto di Rodolfo II in veste di Vertunno.

Nel luglio del 1593 Giuseppe Arcimboldo muore a Milano e viene sepolto nella chiesa di San Pietro della Vigna.

Nei decenni successivi alla sua morte, la sua fama si affievolì e la riscoperta delle sue opere venne solo nel XX secolo, sotto l’impulso della pittura surrealista.

arcimboldo ortolano arcimboldo ortolano capovolto
L'ortolano oppure Ortaggi in una ciotola (Natura morta capovolgibile)
Olio su tavola