Crea sito
logo L'angolo dell'ARTE Alfredo Ossino
HOME GUESTBOOK TECNICHE DISEGNI TRATTATO PITTURA ECOLOGIA a disegni
GLOSSARIO GALLERIA POESIA MATERIALI STORIA dell'arte Costruire IL PRESEPE
GRANDI ARTISTI
ANTONELLO da MESSINA
ARCIMBOLDO GIUSEPPE
BOCCIONI UMBERTO
BOTTICELLI SANDRO
BUONARROTI MICHELANGELO
CANALETTO
CARAVAGGIO
CEZANNE PAUL
COURBET GUSTAVE
CIMABUE GIOVANNI
DALI' SALVATOR
DAVID JACQUES LOUIS
DE CHIRICO GIORGIO
DEGAS EDGAR
DONATELLO
DURER ALBRECT
FATTORI GIOVANNI
FIUME SALVATORE
GIOTTO di BONDONE
GAUGUIN PAUL
GOYA FRANCISCO
GUTTUSO RENATO
KANDINSKIJ VASILIJ
KLIMT GUSTAV
TOULOUSE-LAUTREC
LEONARDO DA VINCI
MAGRITTE RENE'
MANET EDOUARD
MATISSE HENRI
JOAN MIRO'
MODIGLIANI AMEDEO
MONET CLAUDE
MORANDI GIORGIO
MUNCH EDVARD
PICASSO PABLO
PISSARRO CAMILLE
RAFFAELLO SANZIO
REMBRANDT
RENOIR AUGUSTE
RUBENS PIETER PAUL
SEGANTINI GIOVANNI
SEURAT GEORGES
SIGNORINI TELEMACO
SISLEY ALFRED
TINTORETTO
TIZIANO VECELLIO
VAN GOGH VINCENT
VELAZQUEZ DIEGO
CORRENTI ARTISTICHE
ACTION_PAINTING
ASTRATTISMO
BAROCCO
CUBISMO
DADAISMO
DECADENTISMO
DIVISIONISMO
ESPRESSIONISMO
FAUVES
FUTURISMO
GOTICO
IMPRESSIONISMO
INFORMALE
IPERREALISMO
LIBERTY
MACCHIAIOLI
METAFISICA
NEOCLASSICISMO
NAIF
POP ART
PUNTINISMO
REALISMO
RINASCIMENTO
ROMANTICISMO
ROCOCO
SURREALISMO

Storia dell'arte
Vita e opere dei principali artisti che hanno fatto la storia dell'arte.
Movimenti artistici e Principali Correnti artistiche.

Autore contenuti e webmaster: alfredo ossino

Alfredo Ossino su Google+

ALESSANDRO FILIPEPI detto SANDRO BOTTICELLI


Sandro Botticelli è considerato un pittore tra i più grandi del quattrocento e grande esponente del Primo Rinascimento, che concilia i modelli di bellezza classici con lo spirito umanista dell'età moderna. La sua pittura spazia dai temi mitologici a quelli sacri, e le sue figure fluiscono in modo armonico sulla superficie. I colori delicati, le linee dolci, accompagnati alla plasticità delle figure ne fanno uno dei più grandi pittori del suo secolo.

BIOGRAFIA DI SANDRO BOTTICELLI


Alessandro Filipepi, nacque a Firenze nel 1445. Figlio di Mariano di Vanni Filipepi ebbe tre fratelli e crebbe in una famiglia modesta. Il padre faceva il conciatore di pelli. Sul motivo per cui venne chiamato Il Botticelli, ci sono diverse ipotesi, ma nessuna certezza. La formazione del giovane Sandro avvenne nella bottega del pittore Filippo Lippi.
Dopo la stagione di Brunelleschi, Donatello e Masaccio, nei primi decenni del Quattrocento, Alessandro Botticelli è l’artista fiorentino che più di tutti contribuì alla crescita del Rinascimento. La gran parte della sua attività si svolse a Firenze, all’ombra dei Medici e la loro protezione gli garantì numerose commissioni,nell'arco di circa 20 anni. In quel periodo inoltre la pittura diviene sempre più di moda rispetto alla scultura che, fino ad allora, aveva avuto il primato della produzione artistica fiorentina.

Nel 1469, Sandro Botticelli aveva già una sua bottega, lavorava da solo e gli furono affidati i primi lavori.
Nel 1470 realizzò la sua prima opera importante, La Fortezza, eseguita su commissione dell’Arte della Mercanzia. Intanto entrò in contatto con la famiglia Medici, e di conseguenza con la migliore società fiorentina del tempo.

Nelle sue prime opere La Madonna con Bambino le influenze e le somiglianze con le opere del suo maestro Lippi, sono evidenti.
Successivamente fu influenzato pittoricamente anche dalle opere di Andrea Verrocchio e sopratutto da Antonio del Pollaiolo.
L'arte e gli insegnamenti del Verrocchio si intravedono chiaramente in un secondo gruppo di Madonne realizzate tra il 1468 e il 1469 (la Madonna del Roseto, la Madonna in gloria di serafini, e la Madonna col Bambino e angeli. In questa opera, i personaggi sono disposti prospetticamente davanti al limite frontale del dipinto, visto come una finestra. L'architettura sullo sfondo definisce la volumetria dello spazio ideale entro cui è inserita l'immagine. La composizione è costruita quindi per piani, mediando tra lo spazio prospettico e quello dei personaggi in primo piano.

Nelle prime opere dell'artista come la Fortezza ed il San Sebastiano, la parte grafica, prevale su quella pittorica e sulla plasticità delle composizioni. Dopo una serie di opere che rispecchiano questo sua caratteristica, l'artista forma un suo stile personale.

Nel 1472 Sandro Botticelli realizzò il dittico Giuditta e Oloferne e successivamente una serie di ritratti, tra cui quelli di Giuliano de’ Medici e il ritratto di giovane con medaglia. Nel 1477 dipinse per la chiesa di Santa Maria Novella l’Adorazione dei Magi.

Nel 1478, dipinge per Lorenzo di Piero de'Medici la Primavera. In questo dipinto, al centro si trova Venere tra due gruppi di personaggi: da una parte Zefiro che insegue Flora e la primavera vestita di fiori, dall'altro le tre Grazie e Mercurio. In questo dipinto Sandro Botticelli raggiunge una perfetta armonia tra il suo innato amore per il disegno e la plasticità delle forme. L'atmosfera è evanescente e fioca, come quella che si ritrova nella Nascita di Venere (1482 - 1484). Ambedue sono le sue opera più conosciute.

Nello stesso periodo dipinge Pallade e il Centauro (1482) e Marte e Venere (1483) la Nascita di Venere (1484) e alcuni quadri a soggetto sacro come la Madonna Magnificat e la Madonna della melagrana ed esegue anche alcuni disegni che riproducono scene della Divina Commedia di Dante.
In questo stesso periodo, 1481-82, venne chiamato a Roma per collaborare agli affreschi della Cappella Sistina dove lavorò assieme a Cosimo Rosselli, al Ghirlandaio e al Perugino, eseguendo i tre riquadri con la Punizione dei ribelli, le Prove di Mosè e le Prove di Cristo. Sono questi gli unici lavori che realizzò lontano da Firenze.

Negli anni successivi la sua pittura continuò con costanza, ma senza grandi variazioni, sempre ancorata al suo stile fatto di atmosfere di raffinata eleganza e di affascinanti figure. Verso la fine del secolo il suo stile subisce un mutamento, la sua pittura diventa di carattere sacro probabilmente dovuto all'influenza delle predicazioni di Savonarola.

I soggetti mitologici vengono abbandonati e si n ota un indurimento delle forme, un cromatismo più cupo, una mimica dei personaggi più patetica e una composizione più dinamica.
Nel 1495, il pittore dipinge la Calunnia, la cui composizione è molto movimentata ed inquadrata entro un'architettura piuttosto fastosa.
La Natività, è tra le opere che rispecchiano questo suo nuovo modo di dipingere, opere di alta tensione spirituale in forme arcaicizzanti.
Sandro Botticelli, dopo un periodo di completa infermità, muore povero, solo e gravemente malato nel 1510 a Firenze. E' stato uno dei più celebri pittori, disegnatori ed incisori del 1400.

OPERE di SANDRO BOTTICELLI


Sandro Botticelli primavera
Primavera

botticelli storia di Virginia
Storia di Virginia

botticelli nascita di venere
La nascita di venere

Botticelli calunnia di Aapelle
Calunnia di Apelle

botticelli Venere e Marte
Venere e Marte