Crea sito
logo L'angolo dell'ARTE Alfredo Ossino
HOME GUESTBOOK TECNICHE DISEGNI TRATTATO PITTURA ECOLOGIA a disegni
GLOSSARIO GALLERIA POESIA MATERIALI STORIA dell'arte Costruire IL PRESEPE
IL DISEGNO
INQUADRA SOGGETTO
EQUILIBRIO OPERA
IMPRIMITURA E BASE
TEORIA DEI COLORI
TEORIA DELLE OMBRE
TRAPPOLA DEI GRIGI
DISEGNARE GLI ALBERI
DISEGNO A MATITA
IL CORPO UMANO
CORPO in MOVIMENTO
DISEGNO MANI
DISEGNO PIEDI
DISEGNO TESTA E VISO
DISEGNO DEGLI OCCHI
DISEGNO CARBONCINO
LA PROSPETTIVA
MATITE COLORATE
MATITE E CRETE
MATITE ACQUERELLABILI
INCHIOSTRI
GESSI COLORATI
ACQUERELLO
DIPINGERE GLI ALBERI
IL PAESAGGIO
NATURA MORTA
COLORI A TEMPERA
PITTURA A TEMPERA
COLORI ACRILICI
COLORI AD OLIO
PITTURA AD OLIO
FUMETTO
CARICATURA
DISEGNO al COMPUTER

ARTE, tecnica, disegno, pittura con colori ad olio, pittura con colori a tempera, pittura con colori acrilici, dipingere ad acquerello, disegno con il carboncino, elementi di prospettiva, disegnare e dipingere gli alberi, disegnare e dipingere il paesaggio, disegnare il corpo umano, disegno con le matite colorate, disegno con matite e crete, disegno con gli inchiostri, disegnare il fumetto, teoria del colore,
glossario dei termini,
materiali da disegno,
materiali per la pittura,
galleria quadri, galleria Artisti.
Ecologia
Poesia Siciliana
Frammenti di storia dell'arte

Autore contenuti e webmaster:
Alfredo Ossino


mail: alfredo.ossino@alice.it

Alfredo.Ossino@alice.it su Google+

LA CARICATURA

La caricatura è un disegno a carattere umoristico o satirico che rappresenta una persona. Questo tipo di disegno è di solito molto semplice e fatto con tratti essenziali. Vengono sopratutto storpiate (o caricate) le caratteristiche della fisionomia della persona rappresentata, per mettere in rilievo alcune caratteristiche somatiche, che sono quelle che più di altre caratterizzano il soggetto. L’esagerazione di queste caratteristiche, ha anche lo scopo di creare un effetto comico. Queste distorsioni, costituiscono la differenza fondamentale tra caricatura e il ritratto. Quando una caricatura viene completata con scritte, diventa una vignetta.
disegno caricatura

Come fare una caricatura

Quando si inizia a modificare queste caratteristiche, si corre il rischio di perdere la somiglianza.
Per mantenere la somiglianza si devono, quindi caricare solo le caratteristiche che identificano meglio il soggetto.
Per fare un buon lavoro bisogna sapere e capire che cosa si sta disegnando. Osservate le foto di persone, la gente che passa per strada. Guardate le facce e pensate di creare una caricatura di quella faccia e cosa la identifica meglio.
Studiate il soggetto e guardate la faccia da tutte le angolazioni. Se fate un disegno con il soggetto davanti, vi accorgerete che è più facile, che disegnare copiando da una foto, che è bidimensionale.
Osservate molte foto, notate i particolari: capelli all’indietro, con la riga, lisci, naso grosso, adunco, sottile, labbra pronunciate, orecchie sporgenti, doppio mento, occhi piccoli, troppo vicini? Moltissimi sono i particolari.

Una cosa molto importante è osservare non solo la forma dei particolari del viso, ma anche la distanza tra di essi.
Provate inoltre a disegnare due caricature accanto ed osservate le differenze.
 

caricatura

Elementi principali della caricatura

I particolari che si tendono a storpiare possono essere diversi: il naso, la bocca, le orecchie, gli occhi o le sopracciglia ecc... Queste elementi caricati sono l’elemento umoristico del ritratto. Gli elementi principali di una caricatura sono:
La Somiglianza. Guardando il disegno, si deve capire chi è il soggetto ritratto, se no la caricatura non è fatta bene.
La caricatura
. La modifica di una parte del viso o del corpo che caratterizza il soggetto. Se non c’è nessuna storpiatura, siamo di fronte ad un ritratto e non di una caricatura.
L’elementi identificativo
. Il caricaturista deve cogliere alcuni elementi che caratterizzano il soggetto ritratto, anche al di fuori del viso o del corpo. Per esempio, un orecchino, un paio di occhiali.
L’elemento temporale
. In alcuni casi, può essere messo in risalto anche il momento particolare nel quale la caricatura viene eseguita, illustrando sullo sfondo, un evento, un fatto che richiami il momento nel quale la caricatura è stata eseguita o addirittura o semplicemente una data.
L’elemento luogo. Spesso viene viene evidenziato il posto in cui viene fatta, mettendo sullo sfondo un elemento architettonico particolare delle città o comunque qualcosa di caratteristico. Pensate alle gondole a Venezia, al Colosseo a Roma ecc…
 

Individuare gli elementi caratteristici di un volto per fare una caricatura.

la caricatura Presupposto, che il caricaturista deve conoscere tutti i fondamentali del disegno e saper disegnare i diversi elementi del viso come gli occhi, il naso, le orecchie e la bocca e conoscere le proporzioni del disegno classico, la difficoltà maggiore, che si deve affrontare per eseguire una buona caricatura, consiste nel saper osservare ed identificare le differenze tra una forma normale dei particolari e quella del soggetto da ritrarre.
Purtroppo non esistono regole fisse. Il caricaturista, deve avere un ottimo spirito di osservazione, deve prima di disegnare, capire e per quanto possibile, cogliere la personalità del soggetto. Queste doti unite ad una grande esperienza e molto esercizio, sono le doti che possono aiutare un buon caricaturista e vi permetteranno di sapere quali sono le caratteristiche da esagerare per ottenere una buona caricatura.
Eseguire una caricatura non significa solo deformare, ma rappresentare una persona mettendo in evidenza il suo lato umoristico-satirico.
Gli elementi caratteristici di un volto, come abbiamo visto, possono essere tanti. Un artista può coglierne ed evidenziare qualcuno e un altro artista può coglierne altri, sempre sullo stesso soggetto. Ma, anche realizzando caricature completamente diverse, si può raggiungere lo stesso, un ottimo risultato.
Pensiamo ad un uomo con un naso grosso, o una donna con grandi labbra. Se provassimo a misurare le differenze con un naso o delle labbra normali, ci accorgeremmo che le differenze sono di pochi millimetri, ma la nostra vista, sopratutto se allenata, ci consente di accorgerci di queste piccolissime differenze. Riuscire a percepire queste differenze nei diversi elementi del viso è la cosa principale per disegnare un ritratto od una caricatura.

Imparare a fare le caricature ed acquisire uno stile

caricature

Potremmo riempire centinaia di pagine su tecniche e consigli per fare una caricatura, ma probabilmente servirebbero a poco.
Vi suggerisco, per iniziare, un esercizio molto utile.
- Scegliete un soggetto. Fate un disegno del soggetto. Il disegno deve essere corretto e somigliante, anche se veloce e con le linee essenziali.

- Guardate attentamente e cercate di capire quali sono le caratteristiche somatiche che identificano in modo particolare il soggetto.

- Prendete alcuni fogli trasparenti o quasi. Ricopiate o ricalcate il disegno, storpiando per metterlo in risalto il particolare che secondo voi è caratteristico di quel viso.

Ripetete diverse volte l’operazione cambiando o aggiungendo gli elementi di storpiatura.

- Potete fare lo stesso esercizio anche partendo da una foto. Ricordate che l’esercizio è fondamentale per acquisire manualità e soprattutto per memorizzare le forme. Lo stile si acquisterà con l’esercizio e la spontaneità.

Stile del disegno
Le prime caricature che disegnerete non saranno delle vere caricature. Provate a disegnare un ritratto normale e poi provate a modificarlo per ottenere una caricatura con lo stile del vostro disegno.

Provate a disegnare con linee semplici e poche ombre.
Attenzione soprattutto alle proporzioni, che devono essere corrette. Prendetevi tutto il tempo necessario, non cercate di essere veloci, come sicuramente avete visto fare a qualcuno più bravo. Certe caratteristiche le acquisterete con il tempo e l’esercizio. Controllate le forme e le distanze tra gli elementi e mantenete le proporzioni corrette.
Alla fine, rafforzate le linee. A differenza di ritratti, la caricatura deve avere uno stile che tende al fumetto con linee grosse, scure e sicure. Abbiate fiducia in voi e non siate timidi nel tracciare i segni.
Nella caricatura non occorre disegnare ogni singolo capello, ma le forme e le ombre che i capelli creano. Usate una forma più semplice di quanto si fa nella ritrattistica.
Bastano tre toni nei capelli: chiaro per le parti illuminate, scuro per i capelli in ombra, e un tono medio per il resto. Nei capelli lisci, le linee vanno nella direzione che il capello ha.