Crea sito
logo L'angolo dell'ARTE Alfredo Ossino
HOME GUESTBOOK TECNICHE DISEGNI TRATTATO PITTURA ECOLOGIA a disegni
GLOSSARIO GALLERIA POESIA MATERIALI STORIA dell'arte ALTRO
Costruire
IL PRESEPE
STORIA DI
CARLENTINI
Autore contenuti e webmaster:
Alfredo Ossino


Alfredo.Ossino@alice.it
su Google+

Carlentini stemmaCARLENTINI


Carlentini è una cittadina, che fa parte della Zona nord della Provincia di Siracusa, dalla quale dista 44 Km, mentre dista circa 30 km da Catania.
Ha due frazioni: Carlentini Nord nota come “Santuzzi” e Pedagaggi, denominata “Porta degli Iblei” poiché si trova nell’estrema punta nord di questi monti. Il centro storico della cittadina, è situato sul colle Meta, una terrazza naturale a circa 200 metri sul livello del mare. Da questo colle ed in particolare dalla villa comunale, (Villa Belvedere), si domina la piana di Catania e si può ammirare un paesaggio incantevole.

Dominazione in Sicilia nel 1200 A.C.

Carlentini villaggio neolitico
Resti del villaggio di Meta piccola

Carlentini resti neolitici
Resti del villaggio di Meta piccola
Carlentini resti villaggio neolitico
Resti del villaggio di Meta piccola

STORIA ED ORIGINI DI CARLENTINI


I primi insediamenti nel territorio a nord di Siracusa risalgono all’età del Bronzo (3500 / 1200 A. C.).
Le popolazioni neolitiche, alla ricerca di un rifugio, in particolare, scoprirono le cavità rocciose, che le propaggini della parte nord-ovest dei monti Iblei offrivano e quindi si insediarono in questi rifugi naturali, che per le popolazioni di allora, dovevano essere anche confortevoli.
In questi luoghi ed in particolare sulla collina dove adesso sorge Carlentini ed in quelle circostanti, vissero per molti anni.

Verso la fine dell’età del bronzo e l’inizio dell’età del ferro, intorno all’anno 1200 A. C., i Siculi, che probabilmente venivano dalla penisola Italica, arrivarono nella Sicilia orientale e vi si insediarono. La zona a nord di Siracusa, per le sue caratteristiche geofisiche fu una delle mete prescelte e qui cominciarono a costruire i loro villaggi. Alcuni ritrovamenti, in queste zone, confermano l’autenticità di queste ipotesi storiche. Negli anni 50, durante gli scavi nell’area archeologica di Leontinoi, nelle vicinanze, furono trovati reperti risalenti a quell’epoca e i resti di alcune capanne rettangolari, con le basi incastrate nel terreno roccioso.

Nella collina, che oggi viene chiamata Meta Piccola (sud-ovest dell’attuale centro abitato di Carlentini), che sovrasta la zona archeologica di Leontinoi, sono tuttora visibili, i resti di uno di questi villaggi. Probabilmente, quello in cui si sviluppò uno dei primi insediamenti abitativi della zona, intorno al X secolo a.C..

Da quanto è emerso dagli scavi, le capanne avevano il basamento incassato nella roccia calcarea. Ci sono i fori, in cui venivano conficcati i pali in legno, che sostenevano il tetto, che doveva essere spiovente. L'ingresso delle capanne era sul lato più corto e davanti sembra ci fosse un piccolo portico. La tipologia di queste capanne e anche i reperti e le suppellettili trovate (focolai, vasellame dipinto, vasi, anfore e giare), confermano l’ipotesi che i Siculi provenissero dalla penisola Italica, per la similitudine con analoghi reperti rinvenuti nei luoghi di origine. Capanne simili, sono state trovate nel colle Palatino a Roma.
Alcuni storici, hanno identificato questo sito, con la mitica Xouthia, fondata da Xouthos e da uno dei popoli italici, che si stanziarono in queste zone agli inizi dell’età del ferro. Riscontri di questa ipotesi, inoltre si trovano negli scritti di Diodoro Siculo.

Dopo l’arrivo dei Siculi, le popolazioni indigene, cercarono di mantenere con loro rapporti pacifici, e continuarono a vivere nelle zone vicine ed in particolare sulle colline circostanti. In questi luoghi, infatti, sono stati trovati altri reperti archeologici, tipici, caratteristici di quella civiltà : tombe a forno, bronzo, ceramica, decorazioni a stecco, vasi a calice, vasi con decorazione geometrica e con una tecnica decorativa di scarsa fattura e qualità (infatti le decorazioni di questi reperti, tendono a scomparire più o meno facilmente, con l'usura del tempo).

Il sito e la zona circostante, continuarono ad essere abitati per molto tempo. A riscontro di questo,  infatti, nell'area, sono stati rinvenuti anche altri reperti, risalenti ad un periodo successivo. In particolare cadaveri distesi (non rannicchiati), oggetti in bronzo, asce o scalpelli di ferro, tombe rettangolari, vasi proto ellenici siculi, suppellettili varie ed altri reperti.

LEONTINOI

Leontinoi
Leontinoi

Leontinoi Tombe piramidali
Tombe piramidali

Leontinoi Porta Siracusa
Porta Siracusa

Leontinoi Agorà
Resti dell'Agorà
Leontinoi Fornace
Leontinoi - Fornace

Nel VIII secolo A.C. i Greci (Ioni e Dori), cercarono nuovi territori per espandersi, e colonizzarono la parte meridionale della penisola italica, fondando quella che divenne La Magna Grecia. Nel giro di pochi decenni fondarono numerose colonie: Siracusa, Agrigento, Nasso, Zancle, Selinunte, Gela, Megara, Catania, ecc..  Con  questa colonizzazione, diffusero la loro grande cultura e civilizzarono gli Indigeni. L'isola offriva inoltre grandi risorse naturali e ciò permise un rapido sviluppo economico della Sicilia, e questa civiltà si espanse verso l'interno.

In questo contesto, sbarcarono anche nelle coste della Sicilia orientale per stabilirvisi. Qui, trovarono i Siculi, che combatterono e sottomisero. In seguito, si insediarono nella zona e crearono nuove città, tra cui Megara Hyblea, vicino Augusta e Leontinoi, nella Valle a sud-ovest di Carlentini, che oggi è conosciuta come Valle San Mauro, fra due colline parallele, la Meta piccola e il Colle S. Mauro.

La fondazione di Leontinoi, fu opera di un gruppo di Calcidesi, provenienti da Naxos che si erano staccati dal loro nucleo originale e si fa risalire dal 728 a.c. al 751 a.c.

Nella nostra zona, I Siculi sconfitti abbandonarono il loro insediamento originario (Meta Piccola) e si stabilirono nel vicino Colle Meta, dove oggi sorge l’attuale Carlentini. Qui crearono probabilmente un piccolo villaggio. Negli anni successivi, per qualche tempo si allearono con Siracusa (che era rivale di Leontinoi), ma successivamente si amalgamarono con gli abitanti di (Leontinoi) e convissero con i nuovi vicini. Le due culture, quindi si influenzarono a vicenda, come storicamente succede sempre in questi casi.
Carlentini resti Leontinoi
Leontinoi, si trova in territorio di Carlentini, adiacente  al centro abitato, nella parte ad ovest. L'antica Leontinoi, anche se, a differenza di altre città greche, non era situata sulla costa, fu lo stesso, una città importante dell'epoca e spesso rivaleggio con la potente Siracusa per il dominio del territorio. Ancora oggi, anche se non molto curati, si possono ammirare i resti della città antica, risalenti dal secolo VII al secolo III a.C.. Nell'area circostante, vi sono inoltre altri ritrovamenti e le necropoli meridionale e settentrionale.


Carlentini LeontinoiLa città si estendeva sul colle Metapiccola e sul colle San Mauro ed occupava anche la valle che sta nel mezzo. Gli accessi principali erano due
. La porta a nord, rivolta verso i campi leontini e la porta meridionale, che era rivolta verso Siracusa Nella parte sud-est del sito, si vedono i resti di una parete, che circondano uno spiazzo triangolare, sono i resti della "Porta Siracusana", così chiamata perché era rivolta verso Siracusa, che per lunghi anni fu rivale di Leontinoi. La porta era stata progettata con una forma "a tenaglia", che consentiva una maggiore efficacia difensiva nei confronti di eventuali aggressori.

L'Acropoli della città, si trovava sulla vetta del Colle San Mauro. Al centro delle rovine c’è una strada che doveva essere la principale arteria urbana della città. Nelle vicinanze vi sono i resti di altri edifici e di una vecchia fornace.
Al centro del sito archeologico vi è un grande spiazzale circolare che presumibilmente fungeva da "Agorà". 
Secondo alcuni studiosi, nelle vicinanze del Colle San Mauro, ci dovrebbero essere anche le rovine di un antico Teatro Greco, che però non sono ancora state rinvenute. questo teatro, non dovrebbe avere la classica forma semicircolare, che siamo abituati a vedere nei teatri greci, ma sembra debba essere di tipo lineare, anche perché la conformazione geofisica dei luoghi non si prestava alla costruzione di un teatro classico,

Nelle vicinanze ci sono alcune tombe terranee a gradoni chiamate "Epitimbie".


L'EPOCA ROMANA


Carlentini resti neolitici
Casa dello Scirocco
Nei secoli successivi, ci fu l'epoca dell'Impero romano. I Romani, Erano in continua espansione per allargare i confini dell'impero, ma avevano stipulato un trattato di pace con potente città di Siracusa, che dominava gran parte della Sicilia.  Successivamente però, intorno al 214 A. C., questo trattato di pace fu rotto e dopo una lunga guerra, nella quale Siracusa, si difese strenuamente, anche aiutata dall'ingegno dello scienziato siracusano Archimede, la Sicilia fu conquistata dai Romani e l’intera zona passò sotto il loro dominio.

L'isola subì, un periodo di sfruttamento e di rivolte, ma tuttavia prosperò molto e divenne importante, perchè fu considerata il granaio di Roma, e godette della cittadinanza Romana. Nella tarda età imperiale, vennero eretti i teatri romani di Catania, e Taormina e ville come quella di Piazza Armerina. Furono inoltre costruite le strade, create per scopi militari, ma che vennero usate anche per il commercio. I Romani, influenzarono anche le coltivazioni, piantarono infatti viti, ulivi e fichi.
Non ci sono particolari ritrovamenti o notizie degne di nota, risalenti a quel periodo, ma la zona dove attualmente sorge Carlentini, continuò ad essere abitata.
Una delle testimonianza del periodo di dominazione romana nella zona, è la “Casa dello Scirocco” in Contrada Piscitello, a nord di Carlentini. Si tratta di un’antica casa romana edificata all’interno di una grotta preistorica. Questa casa è un esempio antichissimo di casa biotermica. La sua particolarità, sta nel fatto che al suo interno c’è una canalizzazione capace di far entrare all’interno della casa l’aria calda estiva creata dal vento (scirocco) rinfrescarla con un metodo ingegnoso di circolazione dell’acqua e ridistribuirla all’interno, creando così anche in estate un ambiente fresco e ventilato.

CARLENTINI - I BIZANTINI - GROTTE E CHIESE RUPESTRI

Carlentini resti neolitici
Chiesa del Crocifisso - Cristo Pantocratore
Carlentini resti neolitici
Grotta San Mauro - S.Benedetto e S.Mauro

Carlentini resti neolitici
Carlentini resti neolitici
Carlentini Chiesa del crocifisso
Chiesa del Crocifisso - Crocifissione

Nel V secolo, ci fu la fine e la caduta dell’impero romano d’occidente e nel 440, la Sicilia orientale venne occupata dai vandali. Nel 493 D.C. venne occupata dagli Ostrogoti. Successivamente nel 535 D.C. fu occupata una prima volta da Belisario e successivamente, in modo definitivo nel 551 D.C. rioccupata ed annessa all'impero bizantino. La Sicilia diventa quindi una provincia dell’Impero Romano d’Oriente. La capitale della provincia siciliana era la vicina Siracusa. I Bizantini, che come tutti i conquistatori, si adoperarono per diffondere la loro cultura nei paesi conquistati. Cercarono quindi, tra le altre cose, di convertire al Cristianesimo le popolazioni locali, e sostanzialmente ci riuscirono.

Molte testimonianze di quell'epoca, sono rimaste nel nostro territorio. Nelle zone adiacenti a Carlentini, vi sono alcune grotte e Oratori rupestri posti nei rilievi attorno alla città ed in particolare lungo la stradina che dal sito archeologico di Leontinoi attraversa verso nord la Cava di San Mauro.
In una terrazza a metà costa nella parte orientale della cava, ci sono i resti di un oratorio, che faceva parte di un quartiere rupestre medioevale, probabilmente nel XIII secolo. Le grotte si trovano raggruppate nel raggio di alcune centinaia di metri lungo la stessa terrazza e all'interno, contengono importanti chiese rupestri. Altre grotte, si trovano un poco più distante.
Carlentini Chiesa crocifisso
Chiesa del crocifisso

Carlentini resti neolitici


La chiesa rupestre del Crocifisso, è composta da due ambienti, comunicanti tra loro. Il nome deriva da un grande crocifisso dipinto in una delle sue pareti. La datazione è incerta e probabilmente in epoche diverse, ha subito vari interventi.  Al suo interno, si conservano delle pitture, che malgrado il cattivo stato di conservazione, sono tra le più importanti della Sicilia e anch'esse risalenti a periodi diversi. La grotta, cominciò ad essere abitata nell XII secolo, ed a questo periodo, sembrano appartenere alcune tracce di affreschi, disposte su vari ordini con Scene del Giudizio Universale.
Del XIII secolo sono invece gli affreschi della Crocifissione e il Cristo Pantocrator. La Crocifissione è, purtroppo, mal ridotta e si vede solo il Cristo e la Vergine. Il Pantocrator è seduto sul trono con accanto due angeli. Vi sono inoltre pannelli raffiguranti diversi santi : Santa Elisabetta, la Mater Domini, San Leonardo, San Giovanni Battista e un Santo vescovo. Del XIV - XVII secolo sono le rappresentazioni di altri santi.

La grotta san Mauro contiene una chiesa con un soffitto a volta ribassata. Parte della grotta è affrescata. Nella parte di sinistra si trovano una serie di affreschi bizantini risalenti al XVI secolo. La chiesa di San Mauro probabilmente è stata un insediamento monastico benedettino. Un altro dipinto sembra rappresentare una Natività, con le figure di S Giuseppe e la Madonna e attorno angeli cantori e musici. Due pannelli di discrete dimensioni, raffigurano S. Benedetto e S. Mauro. Probabilmente, da questo dipinto, deriva il nome dato sia alla grotta, che alla vallata circostante. Gli affreschi, per incuria, sono oggi molto deteriorati ed avrebbero bisogno di urgenti restauri.

Nelle vicinanze troviamo anche le Chiese di Sant’Andrea, del Cristo Biondo (il nome deriva da un dipinto in essa contenuto, nel quale il "Cristo Benedicente" sembra avere i capelli biondi).  Nei monti a sud di Carlentini e nelle vicinanze di Pedagaggi ci sono i resti di oratori bizantini del Monte Santa Venera, Fiumara Grande, Favara ecc…).

I bizantini dominarono la Sicilia per circa 3 secoli ed oltre queste, hanno lasciato nell'isola molte altre testimonianze della loro cultura e della loro arte.


La DOMINAZIONE DEGLI ARABI, NORMANNI, SVEVI, ANGIOINI e ARAGONESI


Nell'800 la Sicilia, fu conquistata dagli Arabi, che dominarono per più di due secoli. Questo periodo di dominazione, fu importantissimo per la Sicilia, in quanto essi diffusero la loro cultura, i loro usi, ma sopratutto portarono moltissime innovazioni, in diversi settori.

In agricoltura, ad esempio, furono affiancate alla tradizionale cultura del grano, nuove coltivazioni. Furono gli arabi, a portare in Sicilia, la coltivazione degli gli agrumi, di nuovi tipi di frutta come pesca, albicocca, ortaggi, asparagi e carciofi.
Altre coltivazioni che introdussero, furono il carrubo, il riso, il pistacchio, le melanzane e il cotone. Importarono in Sicilia il gelsomino (per i profumi), e le spezie: zafferano, garofano, cannella e zenzero. Ci insegnarono a produrre vari tipi di pane, le paste, i dolci, il sorbetto e il torrone con le mandorle.
Portarono importanti innovazioni nei sistemi di irrigazione e nella pesca. Introdussero la produzione della seta e ci insegnarono a sfruttare le miniere, in particolare quelle di zolfo.

La Sicilia, sotto la dominazione Araba, visse un periodo irrequieto, ma di relativo benessere e acquisì una parte importante della loro cultura. Pochi, però si convertirono alla religione Musulmana, malgrado tutti gli sforzi fatti dai nuovi conquistatori. I siciliani, impararono molto dagli Arabi, ma nonostante ciò, li videro sempre come nemici, infatti nei secoli successivi, la lotta vittoriosa contro i Saraceni (dal nome di una loro tribù) fu il tema preferito nelle opere dei pupi e nelle popolari pitture che ornano i carretti siciliani.

Verso la meta' dell'XI secolo la Sicilia fu conquistata dai Normanni, che dominaroro dal 1061 al 1198. Fra i diversi gruppi dei Normanni si distinse la famiglia degli Altavilla, con Ruggero di Altavilla, a cui succedette il figlio Ruggero II, che riorganizzò l'isola, ne fece il centro della potenza mediterranea dei normanni e le diede prosperità, tolleranza religiosa a conciliò la cultura araba con quella cristiana. A lui successe la figlia Costanza, che sposò Enrico VI, figlio di Federico Barbarossa.

Nel 1190 Enrico VI alla morte del padre, divenne imperatore del Sacro Impero Germanico e Re di Sicilia. Con lui ebbe inizio il periodo svevo (1194-1266).
Alla sua mortem assunse la reggenza la Regina Costanza, ma poco dopo morì anche lei. Le succedette il figlio Federico II, con il quale l'isola divenne uno Stato ben organizzato e tollerante nei rapporti etnici e religiosi.

Dopo alterne vicende, divenne Re di Sicilia Carlo I d'Angiò, che governò dispoticamente,  e segnò la decadenza della Sicilia. Il periodo angioino (1266-1282) durò poco. La tirannia dei francesi, provocarono la guerra dei "Vespri siciliani" (1282), che si concluse con l'intervento di Pietro d'Aragona, che aveva sposato Costanza, una figlia di Manfredi e avanzava pertanto diritti sul Regno di Sicilia. La guerra durò 20 anni e nel 1302, la Sicilia venne affidata agli Aragonesi (1282-1516).
Tutte queste dominazioni, hanno influenzato in modo sostanziale la storia e la cultura, gli usi ed i costumi del popolo Siciliano, quindi anche quella della nostra zona. Il centro politico della Sicilia, si era nel frattempo spostato verso occidente e Palermo era diventata la capitale e Siracusa aveva perso parte della sua storica importanza, infatti le maggiori testimonianze di quest'epoca, si trovano nella Sicilia orientale. Non vi furono in quegli anni particolari eventi che interessarono il nostro territorio ed il suo sviluppo e la sua cultura seguirono un percorso tendenzialmente uguale a quello di tutto il resto della Sicilia,

LA FONDAZIONE DI CARLENTINI


Carlentini Carlo V
Carlo V
Carlentini Pianta 500

Carlentini Pianta Spannocchi
Pianta dello Spannocchi del 1578

Carlentini Torrione mura
Torrione Nord

Carlentini fortificazioni spagnole

Carlentini torrione
Carlentini torrione
Nel 1516 sale al trono Carlo V, figlio di Filippo d'Asburgo e Giovanna di Castiglia e d'Aragona.
Carlo V, nelle cui vene scorreva il sangue delle maggiori casate europee, fu una delle figure più importanti della storia dell’Europa ed imperatore del Sacro Romano Impero.
Grazie alla sua discendenza ed ai suoi Avi e alla politica di matrimoni combinati ed eredità portata avanti sopratutto da suo nonno Massimiliano I d’Austria, l’Imperatore aveva ereditato un impero vastissimo, (esteso in Europa, Africa e America) tanto che, sembra avesse affermato che sul suo regno non tramontava mai il sole.
Carlentini Impero di Carlo V

Carlo V eredita, tra l’altro, da Ferdinando d'Aragona (suo nonno), il regno di Sicilia, Napoli e Sardegna.

L’imperatore, dovette però, difendere il suo regno da molti nemici, tra i quali Solimano, Imperatore di Costantinopoli, con il quale entrò in guerra. La Sicilia era una delle parti dell’impero di Carlo V, più vicina e più facilmente raggiungibile dalle truppe dell’imperatore turco e quindi era oggetto di continue incursioni islamiche, che arrivavano dal mare. In particolare nella Sicilia orientale queste incursioni erano frequenti e molto pericolose, sopratutto c’era il pericolo che oltre ai continui saccheggi sulla fascia costiera, le invasioni si propagassero verso l’entroterra, segnando l’inizio della conquista delle terre di Sicilia, da parte del nemico.

Nella Sicilia orientale, oltre le città costiere, le incursioni turche mettevano in pericolo sopratutto la città di Lentini, primo baluardo nell’entroterra, ai limiti della piana di Catania. Le fortificazioni di Lentini, erano deboli e decadenti a causa di vari eventi, tra i quali il terremoto del 1542, che aveva distrutto in parte la città e le sue fortificazioni. Inoltre la città, anche per le caratteristiche geofisiche del terreno, era poco difendibile ed il vicino pantano rendeva l’aria poco salubre, causando spesso malattie nella popolazione.

Per proteggere la parte centro orientale dell’isola, furono studiate varie soluzioni, tra queste fu predisposto ed approvato un progetto, che prevedeva la costruzione di una fortezza in un punto strategico. Come sito, fu scelto il colle meta, a pochi chilometri dal mare e che delimitava la piana di Catania. Il colle aveva la forma di un altipiano, col le falde abbastanza scoscese. La forma pianeggiante della sommità, lo rendeva facilmente edificabile e i fianchi con pendenze ripide, facilmente difendibile, sopratutto se delimitate da possenti mura. Dalla sua sommità si dominava la pianura fino al mare. Con un obiettivo strategico-militare, nel 1551, nasce così, per ordine di Carlo V, con il privilegio di Città e gli epiteti di CESAREA e di INESPUGNABILE questa città-fortezza. Il piano prevedeva anche che essa costituisse una seconda linea di contenimento in caso di superamento delle difese costiere da parte di un’armata nemica e che in essa si dovevano concentrare le truppe di rinforzo alle marine di Catania, Augusta e Siracusa e di trasferirvi in caso di pericolo gli abitanti di Lentini. Vicerè di Sicilia era allora Giovanni De Vega, che se ne occupò in prima persona.

CARLENTINI LA CITTA' FORTEZZA


La nuova città di Carlentini, fu progettata come una piazzaforte inespugnabile. Il suo progetto, non obbedì alla logica delle perfette forme geometriche, proposte da molti teorici e ingegneri militari dell’epoca, sulla costruzione di una nuova città. Il tracciato della cinta muraria non persegue perfette forme geometriche, ma si adegua alla morfologia dei luoghi. Si rifà quindi alla tradizione classica, ispirandosi al principio, che nessuno spazio libero e utile, doveva essere lasciato al nemico.
Una documentazione storica, ci fornisce qualche notizia sulle prime attività di fondazione e sul progetto originario dell’impianto urbano. Nel 1550 il conservatore del regio Patrimonio Andrea Arduino, accompagnato dall’ingegnere Pietro Prado, si recò, sul colle Meta «et fece stabilire le strade cioè, le doe maestrea quaranta palmi larghe l’una (10 m.) et le contrastrade a palmi 28 (7 m.), et se fece opera che alconi citadini donaro principio et piglaro loco in detta nova habitacione et se tiene per certo che per esser’ de aer’ saluberrimo, d’esitu fortissima et accompagnata de molti altri boni parti, presto venerà a popularsi, ... et non si aspetta altro che darsi principio alla moragla de la fortificatione la quale vostra eccellencia potrà fari incomenzari». Il progetto del Prado, manifesta, una profonda differenza culturale, forse anche dovuta ai tempi di realizzazione, tra le fortificazioni murarie e l’impianto urbano.
La planimetria della città è caratterizzata dalla assoluta regolarità geometrica della rete viaria, con il rispetto rigoroso del principio della perpendicolarità, ma è discordante dall’andamento delle mura, che però non condiziona in nessun modo. Ad eccezione della sola porta di Lentini, che era collocata in asse con la strada principale, nessun’altra delle porte urbiche si relaziona con il tessuto viario. Nella pianta della città, redatta dal senese Tiburcio Spannocchi nel 1578, possiamo vedere oltre il tracciato delle mura, le porte: la Porta di Lentini, di Agnone, Siracusa, la Porta Augusta e ad est la Porta Canale. Alcune di queste porte, probabilmente non furono mai realizzate. Oggi rimangono alcuni elementi significativi della cinta muraria e i tre torrioni circolari a nord, nei pressi di piazza Malta.  Esistevano altre torri quadrate presso le porte, La più grande era tra le porte Siracusa e Augusta (ci sono alcuni ruderi nascosti dalle abitazioni). Di alcune porte, oggi resta solo il ricordo nel nome delle vie (via Porta Siracusa, via di Porta Agnone).

Per dare una caratteristica più monumentale alla piazza principale, che era il fulcro dell’impianto urbano, l'ingegnere Prado fece costruire la cosiddetta fiera di San Matteo, una più piccola piazza quadrata, come appendice, destinata al mercato, nella quale vennero realizzate logge in legname.
La difficoltà di coniugare la maglia urbana della città con il perimetro irregolare delle sue mura, condizionato dalla conformazione del terreno della collina, si evince dalla pianta disegnata dallo Spannocchi. La pianta ed altri disegni e studi era stata commissionata dall’allora viceré di Sicilia Marc’antonio Colonna e che è stata inserita nel volume Descripciòn de las marinas de todo el Reino de Sicilia del 1578. In questa planimetria della città, possiamo notare che gli isolati perimetrali del nuovo impianto sono a debita distanza dalle mura o per i quali, in altri casi, la forma non viene neppure delineata. Per evitare la monotonia del reticolo urbano, furono realizzate variazioni di forma e dimensioni, con cassoni quadrati o rettangolari più o meno allungati.
Essendo stata progettata come una piazza d'armi, la piazza principale era molto più grande di quella attuale che in epoche successive è stata parzialmente occupata da altri edifici.

La chiesa originaria, quasi sicuramente, si affacciava sulla piazza e da qui aveva l'ingresso principale, come sembra sia stato accertato durante i lavori di ristrutturazione in seguito al terremoto del 1990. In fase di rifacimento del pavimento, è stato scoperto quello che è sembrato l'ingresso originale della chiesa preesistente. Ufficialmente non si hanno notizie, e per ultimare i lavori, tutto è stato ricoperto. Ma esistono delle foto, che provano tutto questo, anche se non sono mai state rese pubbliche.
Nel Libro, oltre al testo italiano, sono presenti anche una serie di annotazioni in Castigliano, sulle città della fascia costiere (divisa in sessantasei marine) e anche su Carlentini. Altre annotazioni si trovano negli appunti di Camiliani che riprese e completò il lavoro dello Spannocchi 5-6 anni dopo (1583-1584).
Alla città fu dato il nome di “Lentini di Carlo“ (in onore del sovrano che la fece costruire) ed il progetto fu affidato all’ingegnere militare Pietro di Prato. Sembra che il Prato abbia utilizzato, per progettare la città, la descrizione con cui Polibio documentava l’accampamento di un esercito consolare romano di due legioni.

LE MURA URBICHE DI CARLENTINI


Carlentini mura urbiche
Mura a nord
Carlentini Torrione Nord-est
Torrione Nord-est

Carlentini Fortificazioni spagnole
Fortificazioni spagnole lato nord
Carlentini mura urbiche
Mura lato est
Per prima cosa, si cominciarono a costruire le forti muraglie che dovevano circondare la città. Le mura dovevano essere realizzate ai bordi del colle e data la sua conformazione erano quasi inaccessibili dalle falde scoscese sottostanti e quindi inattaccabili.

Pochi mesi dopo l’inizio dei lavori, nel giugno del 1551 Sinan Bassà, comandante della flotta ottomana, con 150 galee, assale la vicina città di Augusta, la conquista e la saccheggia. Gli abitanti fuggono verso l’entroterra per sfuggire ai conquistatori e cercare rifugio. Questo fatto convince ancor più il De Vega della gravità della situazione e lo spinge ad accelerare la realizzazione delle fortificazioni sul colle Meta.

Il viceré De Vega, inoltre in modo molto lungimirante, ravvisa la necessità che il nuovo sito sia costantemente popolato, poiché altrimenti, passato il pericolo delle incursioni saracene, sarebbe stato abbandonato.

Per raggiungere lo scopo, il De Vega, con un atto del 31 agosto 1551, redatto a Messina, fa grandi concessioni di suolo, di privilegi e di esenzioni a chi si stabilisce nella fortezza.
Quindi molte persone vengono attratte nella città di Carlo e vi si stabiliscono. La costruzione di una città, costituì anche una opportunità di lavoro per molti operai, che quindi si trasferirono, sopratutto dalle città vicine per prendere parte alla costruzione delle fortificazioni. Tutte queste persone, in parte provenienti dalla vicina Lentini, costituiscono il primo nucleo abitativo della futura popolazione della “Lentini di Carlo”, che successivamente si chiamerà “Carlentini”.
Successivamente, per tacitare le lamentele delle città vicine e di quanti avevano visto fuggire a Carlentini i loro debitori il Viceré De Vega, con una lettera datata in Messina 12 dicembre 1551 diede conferma dei privilegi.

Il 12 dicembre del 1551 viene deciso di trasferire a Carlentini, la fiera che si svolgeva tradizionalmente ad aprile nella piazza di Lentini. Lo scopo era quello di utilizzare il fitto delle logge per la costruzione della Chiesa Madre di Carlentini. Lentini, però si oppone a questa decisione e lo spostamento si farà solo nell’aprile del 1553. Nel 1559 Lentini, però riesce a riottenere il ritorno nella propria piazza della Fiera, pagando 450 scudi per la costruzione della Chiesa Madre, cedendo il fitto di dodici logge per i lavori stessi e cedendo altri loggioni a vantaggio dei cittadini carlentinesi.
Nel frattempo, la città si era popolata ed aveva raggiunto un numero considerevole di abitanti. Con alterne vicissitudini, intanto proseguivano i lavori di fortificazione del nuovo sito. Nella porta Lentini, detta anche Porta Reale, situata nella parte nord, fu murata una lapide, con la seguente iscrizione:

D.O.M.

Carolus austriacus quintus hic condidit urbem et celsam fecit sumptibus ipse suis…

Anno Domini 1556 inditionis XIV


Questa lapide, fu quasi completamente distrutta, a causa del terremoto del 1693 e ne rimangono solo alcuni frammenti.

A questo punto, occorre fare una precisazione sulle Mura urbiche di Carlo V, l’opera che doveva costituire la caratteristica principale della città - fortezza.
A seguito delle alterne vicende storiche, ed in base alla documentazione esistente, si può affermare che queste non furono mai completamente costruite. Secondo alcune fonti storiche, supportate da documenti e cartografie, furono completate, ma probabilmente, mai in tutta l’estensione del perimetro e molte parti delle mura, furono edificate in maniera approssimativa e non conforme ai progetti originali. Nel tempo, dopo il sec. XVIII, inoltre le mura avevano perso la funzione difensiva e di conseguenza, al posto di queste, fu privilegiata la costruzioni di abitazioni e l’assetto viario. Nel tempo, alcune parti, sono state inglobate in edifici costruiti successivamente, altre distrutte e di altre non si hanno tracce. Oggi, ne rimangono alcuni tratti e tre torrioni circolari sul lato nord.
Neanche delle porte di accesso alla città vi sono più tracce visibili.

IL PRIMO SECOLO DI VITA DI CARLENTINI


Carlentini torrione
Torrione
Nell’aprile del 1557 De Vega lascia la Sicilia e a lui succede un altro Viceré il duca Juan de la Cerda, duca di Medinaceli, che sempre nel 1559 accoglie la richiesta fatta da Carlentini, di istituire una fiera di bestiame. Questa fiera viene, intitolata a San Matteo e si terrà nello piano della chiesa Matrice, dal 21 settembre per trenta giorni. Diritti e privilegi derivati dalle concessioni, vengono concessi a Carlentini. Praticamente alla nuova città viene riconosciuta l’autonomia amministrativa, anche se Carlentini non aveva ancora un territorio.

Nel 1561 la città viene distrutta da un terribile incendio, che distrugge gli edifici pubblici e molte abitazioni private. Molti cittadini, presi dallo sconforto, pensarono di andare via. La Corte però, per scongiurare lo spopolamento della città, interviene in modo tempestivo e concede gratuitamente nuove case e stanzia 200 onze per ultimare i lavori di costruzione della chiesa. L’ultimazione della chiesa, si rendeva tra le altre cose necessaria, perché non era solo luogo di culto, ma in essa venivano seppelliti i cadaveri e a causa dell’incendio, ve ne erano molti. Sospinto da questi nuovi incentivi, lo sviluppo di Carlentini, riprese slancio e vigore.
Negli anni successivi, nel regno, si succedettero diversi eventi storici che ovviamente, si ripercossero anche sulla città. Queste fasi altalenanti, culminarono con una profonda crisi economica. Re di Spagna e del regno delle due Sicilie era divenuto frattanto Filippo IV di Spagna, che per fare fronte a questa crisi, dovette vendere alcune città e fortezze a Nobili e Signori, che erano disposti ad acquistarle sborsando grandi quantità di danaro.

Anche Carlentini, segui questa sorte. Nel 1630, la città viene venduta dal Viceré Francesco Fernandez de la Cueva, per 12.425 onze a Nicolò Placido Branciforte Lanza, conte di Raccuia e principe di Leonforte. Nell’atto l’acquirente si impegnava a completare le opere di fortificazione della città entro dieci anni.
La vendita generò un pò di fermento nella popolazione ed infatti il Branciforte inviò in città, un suo amministratore di fiducia, Orazio Strozzi, accompagnato dai suoi soldati e nominò procuratore il Dottor Pietro Guastella. Malgrado le aspettative, in quegli anni, la città fu amministrata saggiamente e si registrò un certo progresso sociale. Fu favorita l’espansione edilizia, si cominciarono ad abbellire alcuni luoghi sacri, quindi gli operai poterono lavorare e alcune famiglie nobili vennero a stabilirsi a Carlentini.

Solo 3 anni dopo, nel 1633, il dottor Pietro Guastella, propose il riscatto della città al Viceré Ferdinando Afan de Ribera duca di Alcalà. L'operazione venne accettata, anche grazie al consenso dello stesso Governo ed il 27 gennaio 1634 fu restituita al Branciforte la stessa cifra che aveva versato.
Alfonzo I Longosserano prese quindi possesso della città, per conto del Re.

CARLENTINI XVII e XVIII SECOLO


Carlentini chiesa San Sebastiano Carlentini San Sebastiano
Chiesa e statua di San Sebastiano
Carlentini Convento dei Carmelitani
Piazza Crispi e Convento dei Carmelitani
Il 9 e 11 gennaio del 1693, ci fu il disastroso terremoto che distrusse la Val di Noto.
A scanso di equivoci, è opportuno ricordare che, con Vallo di Noto, in quell’epoca, si intendeva quella circoscrizione amministrativa, che comprendeva la gran parte della Sicilia Sud Orientale. Senza questa premessa, risulterebbe difficile capire come parlando di Val di Noto, si fa riferimento a città anche lontane da Noto.

Anche Carlentini fu colpita, e secondo alcuni storici ci furono da 100 a 1000 morti. Ma probabilmente furono molti di meno, perché nei registri parrocchiali risultano per l’anno 1693 solo 91 morti, e solo una parte causata dal terremoto.
La città era infatti abbastanza giovane e i suoi edifici, di recente costruzione, resistettero meglio alla forza del sisma, quindi rispetto ad altre città i danni furono relativamente minori, sebbene furono distrutte case, chiese, le torri ed altri edifici. Inoltre gli abitanti erano ancora pochi e quindi vi furono relativamente pochi morti. Per questi motivi, Carlentini fu una delle prime città ad essere ricostruita e questo, richiamò tanta gente dai centri vicini ancora danneggiati dal sisma, sopratutto da Lentini, ancora semidistrutta.

La città viene ricostruita con una struttura viaria rigorosamente a scacchiera ortogonale, in parte riprogettata poiché l’impianto precedente, voluto dall’Imperatore Carlo V d’Asburgo, era stato parzialmente danneggiato dal terremoto. Struttura viaria che è rimasta quasi immutata fino ad oggi, anche se sono stati occupati alcuni spazi, adiacenti le mura, che prima erano liberi. Anche la grande piazza d’armi è stata in parte occupata, come si può notare confrontando la pianta dello Spannocchi con una attuale.
Furono ricostruite le carceri (1705), venne anche completata, dopo molti anni, la chiesa madre, iniziata nel 1551, infatti molti sono gli stili in essa presenti (barocco, neoclassico e liberty).

Dopo il terremoto del 1693, fu ricostruita anche la piccola chiesa di San Sebastiano che è stata ristrutturata dopo il terremoto del 1990. La chiesa è ad un’unica navata, sopra l’Altare Maggiore, vi è una cappella che conserva il simulacro di San Sebastiano, che risale agli inizi del 700. Nelle pareti laterali due altari dedicati, quello di sinistra a San Giuseppe Giusto quello di destra a San Biagio.

Nei primi anni del 700 viene ricostruita anche La Chiesa di Santa Maria del Carmine, con l'annesso Convento dei Carmelitani. Il complesso è prospiciente la Piazza Francesco Crispi e la Chiesa è consacrata anche a “Santa Maria degli Angeli”.
La facciata della Chiesa ha due imponenti pilastri in laterizio che sorreggono la parte superiore. Al centro un portale ad arco con due colonne che sorreggono un arcata decorata da bassorilievi, sormontata da un elegante timpano spezzato. Sopra una finestra. Adiacente alla facciata, c'è è un massiccio campanile rivestito con laterizi, la parte superiore è rifinita con merlature rinascimentali. Il Convento ha uno stile molto semplice, con pochi elementi decorativi.
La Chiesa è ad una sola Navata decorata in stile barocco.
L'Altare Maggiore è in marmo policromo. Ai lati vi sono diversi altari. All’interno di essa, ci sono diverse opere d’arte, tra cui un Crocifisso ligneo. Il portale cinquecentesco della Chiesa, ha un altorilievo che raffigura San Francesco d’Assisi e San Bernardino da Norcia.
la chiesa contiene anche un Organo a canne settecentesco, proveniente dalla chiesa Madre di Carlentini
L’interno del Convento ha un chiosco centrale. Il monastero cadde per molto tempo in disuso e la chiesa fu riaperta al culto solo nel 1946, con l'arrivo di alcuni frati Carmelitani. Il convento, fu adibito a scuole elementari e una parte a Caserma dei Carabinieri. Il terremoto del 1990 lo danneggiò nuovamente ed adesso è stato restaurato.

Nel 1714 la città aveva raggiunto una discreta espansione e aveva circa 900 case e 3300 abitanti.

VILLA MARIA LUISA ED IL PALAZZO DEL BARONE RISO


Carlentini Palazzo Riso
Palazzo del Barone Riso (a destra) e dependances (a sinistra),
lato di via Marconi. Veduta da Est.

Carlentini Palazzo Barone Riso
Villa Maria Luisa, angolo Via Marconi, via Saffi

Carlentini Villa Maria Luisa
Villa Maria Luisa, lato di via Saffi

Carlentini Villa Maria Luisa
Villa Maria Luisa, lato di via Saffi

Carlentini Palazzo del Barone Riso
Palazzo del Barone Riso lato via Marconi

Carlentini Chiesa Roccadia
In epoca medievale, una comunità di Frati Francescani provenienti dall'Abbazia Sambucina (in Calabria) era venuta nella zona, si era stabilita in località Roccadia (oggi denominata “cummintazzu”) ed aveva fondato la primitiva Abbazia consacrata alla "Madonna". L’Abbazia conteneva una preziosa icona, donata ai monaci dall'imperatore Ruggero II.

Il terremoto del 1693, si era abbattuto anche sul vasto feudo di Roccadia ed aveva  distrutto il convento di Roccadia, con l’antica abbazia che conteneva l’immagine di “Santa Maria di Roccadia”, che fortunatamente si salvò e oggi si trova nell’attuale chiesa.
I monaci si trasferirono quindi a Carlentini dove comprarono i ruderi del Monastero della Concezione e vi fabbricarono il nuovo convento.

Fra i personaggi illustri che vissero a Carlentini, si deve ricordare Giovanni Riso, barone di Colobria. Nel 1836 il Principe di Palagonia, acquista il vastissimo feudo Murgo, che si estende dalle porte di Carlentini, fino al mare. Nel 1874, il nipote Barone Giovanni Riso ristruttura il convento di Roccadia, lo trasforma in un palazzo nobiliare, ne fa la propria residenza e si trasferisce a Carlentini.

Carlentini villa RisoIl palazzo era maestoso e sfarzoso, e il complesso occupava l’area racchiusa tra quelle che oggi sono via Guglielmo Marconi (allora era chiamata via Riso), via Giuseppe Mazzini, via Saffi e via XX Settembre. La parte edificata si estendeva principalmente sui due lati prospicienti via XX Settembre e via Riso. Gli arredi, sopratutto nella parte padronale, erano ricchi ed in ogni caso adatti ad un palazzo nobiliare.

Annesso al Palazzo e parte integrante di esso, vi era un ampio parco, che era stato chiamato Villa Maria Luisa, in onore della figlia del Barone, e spesso con questo nome si identificava l’intero palazzo.

Il palazzo aveva diversi ingressi, quello principale era in via Riso. L’altro ingresso importante, sopratutto dedicato alle carrozze, era dalla parte opposta, nella odierna Via Mazzini, proprio di fronte alla principale via di accesso al paese dal lato nord, quella che fino a qualche tempo fa era chiamata la salita del Palermitano, oggi via del Leone. Entrando, da questo ingresso, si accedeva ad un grande spiazzo. Un grande mosaico di pietra ricopriva la parte centrale dello spiazzo. Di fronte c'era la facciata interna del palazzo.
A destra c'era l’altra ala importante del palazzo. All’angolo sulla destra, c’era una grande voliera. A sinistra, un’altra piccola ala e un giardino con alberi, piante, una piccola grotta e un ruscelletto artificiale. La parte ad Est era chiusa in parte con un muro in pietra ed in parte con un’alta cancellata, (visibile in alcune vecchie foto) che consentiva di ammirare il paesaggio della piana di Catania fino al mare. Sempre a sinistra verso nord un edificio che si vede in una foto, con croce sopra, che però non ricordo bene e sul quale non ho trovato documentazione.
Un tunnel sotterraneo, dall’interno del palazzo, conduceva alla vicina campagna, oltre le mura urbiche sotto via Saffi. Anche qui vi erano alcune dependances, delle quali ancora si vedono i resti.
Nei fabbricati di fronte via Marconi, vi erano le dependances del palazzo (cucine, scuderie ecc...).
Il Barone, morì a Palermo nel 1901. I possedimenti che si estendevano fino ad Agnone, passarono nelle mani della figlia Maria Luisa prima ed alla morte di questa, al secondo figlio del Barone, Mimì, avuto in un matrimonio successivo. Alla morte di quest’ultimo, a causa di problemi economici, il Palazzo Riso e i terreni annessi vengono venduti al Cavalier Arcidiacono e successivamente smembrati.

Il pregevole palazzo del Barone Riso, chiamato anche Villa Maria Luisa, il più importante, edificio che Carlentini abbia mai avuto, fino agli anni sessanta, conservava in parte il suo splendore, anche se era stato praticamente spogliato da gran parte degli arredi interni.
Nei primi anni sessanta vi erano state installate le scuole medie e l’avviamento professionale e l’ampio spazio esterno veniva usato per fare sport nell’ora di educazione fisica. Poi la lungimiranza degli amministratori Carlentinesi e la speculazione edilizia, smembrarono e distrussero l’intero complesso.

Oggi rimane solo l'angolo, tra via Marconi e via XX settembre, dove c’è la chiesetta di Roccaddia, e alcuni piccoli pezzi della copertura di una parte dell’ala ovest. Anche la parte delle dependances dall’altro lato di via Marconi, ha subito la stessa sorte e sebbene modificato, dell'originale, rimane solo l'angolo, di fronte alla chiesa. Stessa fine ha fatto il palazzo dall’altro lato di via XX Settembre, che aveva l'ingresso principale in via Mazzini,  (anche questo negli anni 60 era stato usato come scuola). Quasi tutti gli altri palazzi del paese, hanno subito la stessa sorte.
Carlentini resti neolitici
La chiesetta, ha una facciata esterna, molto semplice, con la parete in rilievo di intonaco, secondo lo stile bugnato, è divisa in due ordini da un cornicione. Il semplice portale d'accesso è sormontato da un arco con a centro una piccola Croce.

Nella parte laterale (via XX Settembre), vi è un'altra porta, con caratteristiche simili a quella principale e due finestre rettangolari, una delle quali è murata. La parte superiore ha le finestre come al piano terraneo.

L'interno presenta un unica navata, costruita con una stupenda volta "a botte" formata da piccoli e pregevoli quadretti raffiguranti le "Stazioni della Via Crucis". Ai Lati, due Altari con tele del 700. Quella (a sinistra) raffigura la "Sacra Famiglia" con i "Santi Anna e Gioacchino", l’altra (a destra) raffigura "San Filippo Neri". La chiesa contiene anche un Organo a canne del 700.
L'Altare Maggiore settecentesco, è in marmo policromo. Sopra è posta l'Icona della "Madonna di Roccadia".

CARLENTINI NEL XIX SECOLO


Carlentini via Roma
Parte della piazza e chiesa Madre
Nel 1825 fu aperta la prima scuola di educazione cattolica.
Dopo moltissimi anni di rivendicazioni e fasi alterne, il 15 gennaio del 1857, dopo 3 secoli dalla sua fondazione, Carlentini, ottenne finalmente un proprio territorio, che fu staccato da quello di Lentini, con un criterio proporzionale rispetto alla popolazione.
Carlentini ebbe così la piena indipendenza economica ed amministrativa. Il nuovo territorio, comprendeva anche l’ex casale feudale di Pedagaggi, che così divenne frazione di Carlentini. Nel 1836 venne costruito l'attuale camposanto, che da allora, ha subito due ampliamenti.

Nel 1860 ci fu l'Unità d'Italia, che però non portò alle popolazioni siciliane e del meridione in generale nessun beneficio, anzi probabilmente ci fu un peggioramento delle condizioni di vita, che si avevano precedentemente sotto il regno dei Borboni.

Nel 1862 fu aperta la scuola elementare. Nel 1872 fu istituita la scuola serale.

Negli anni successivi, la vita della città fu caratterizzata da dispute, che si crearono tra i componenti della classe borghese dell’epoca. Le famiglie più illustri del paese, si scontrano per assicurarsi l’egemonia sul territorio. I principali contendenti furono gli Scavonetto, i Ferrarotto, i Beneventano, i Modica ed i Matarazzo.


Le ultime due, sopratutto divisero politicamente il paese in due fazioni rivali. La cosa degenerò al punto che, la sera del 7 gennaio 1903 furono entrambe coinvolte in un delitto. Il cav. Carlo Modica venne ucciso con due colpi di pistola e dell’omicidio fu accusato il dott. Matarazzo.

Nella seconda metà dell’ottocento e nel primo decennio del novecento, la città ebbe una notevole fase di sviluppo, vennero costruite molte opere pubbliche: scuole, rete idrica, rete fognaria e rete elettrica. Gli abitanti aumentarono e ci fu l’esigenza di costruire nuove abitazioni, quindi sorsero nuovi quartieri e la città dovette espandersi al di fuori delle vecchie mura urbiche cinquecentesche.

CARLENTINI NEL XX SECOLO


Carlentini villa Belvedere

Carlentini villa Belvedere
Carlentini villa Belvedere
Carlentini villa Belvedere
Carlentini Chies Matrice Carlentini Monumento ai Caduti
Chiesa Madre e Monumento ai Caduti

Carlentini Municipio
Municipio

Carlentini Via dello stadio abbeveratoio
Abbeveratoio in via dello stadio
Carlentini chiesa Madre
Chiesa Madre
Nel 1912 fu costruita la Villa Belvedere, che in un primo tempo era stata chiamata villa Guido Albertelli in onore dell'architetto omonimo, che fu colui che portò l'acqua a Carlentini, con la costruzione dell'acquedotto che dalle sorgenti di Contrada Favara arriva tuttora a Carlentini. Successivamente il nome fu modificato in “Villa Belvedere”. La villa comunale è a due livelli, ed ha due scalinate, che in punti diversi collegano i due piani. Dalle sue terrazze si può ammirare uno splendido panorama a quasi 360 gradi. Ad est, si vede il colle Minnella ed il mare, a nord la Piana di Catania, Più lontano, la città di Catania, con lo sfondo dell'Etna che è il vulcano più alto d'Europa, sormontata dal suo pennacchio di fumo. Quando erutta, specie di sera, si vedono le colate laviche e gli zampilli di lava. Più vicino, ci sono le distese dei giardini di agrumi e il lago del Biviere. A nord-ovest ci sono i monti che sovrastano Scordia, Militello e Francofonte. Nelle giornate particolarmente serene, in lontananza si riescono a scorgere anche i monti della Calabria. Il nome Belvedere è quindi senz'altro appropriato.

Dalla parte opposta, ma non visibili dalla villa, ci sono ad ovest il colle Meta piccola ed a sud-ovest la maestosità del monte Pancali.

Nel 1915, scoppiò la prima guerra mondiale e come il resto dell’Italia, anche i Carlentinesi furono chiamati alle armi. La città pagò un altissimo tributo di sangue, poiché molti dei suoi concittadini perirono o furono gravemente feriti nei combattimenti.
In memoria dei morti in guerra fu costruito il monumento ai Caduti, adiacente alla chiesa Madre, con impressi i nomi dei soldati periti in guerra.
Nel 1923, viene fatto un Progetto del Piano Regolatore del Comune di Carlentini, dal quale si evince, che molte aree di rispetto tra il centro abitato e le mura, sono ormai scomparse, ma si vede ancora l'area della porta Siracusa. Il progetto previde l’ampliamento di Carlentini anche fuori dalla cinta muraria, verso Siracusa e Lentini e dà il via ad una incontrollata urbanizzazione del colle e distruggendo o nascondendo parte delle mura urbiche.

Nella II guerra mondiale, che per diversi aspetti, fu molto più cruenta della prima, anche perché erano cambiati i tipi di armamenti, Carlentini subì bombardamenti aerei e terrestri e ci furono quindi, molti morti, anche tra la popolazione civile, oltre quelle dei soldati andati in guerra.
Nel 1946, dopo moltissimi anni di chiusura, viene riaperta al culto la Chiesa del Carmine, grazie all'arrivo di alcuni Frati Carmelitani, il Convento però venne staccato dalla chiesa e ospitò le scuole elementari e la Caserma dei Carabinieri.
Carlentini famiglia dell'800
Alla fine della guerra, l'economia già debole del paese, era completamente in ginocchio. Seguirono anni bui, di fame e di sottosviluppo, come in tutto il resto del meridione d’Italia. Molti Carlentinesi, per sopravvivere, emigrarono verso il nord d’Italia, in altri paesi europei, negli Stati Uniti d’America ed in molti altri paesi. A Omaha in Nebraska, per esempio si formò una forte comunità di carlentinesi, tanto che ancora oggi, anche se a distanza di generazioni, festeggiano ogni anno la Patrona S. Lucia, come se fossero nel loro paese d'origine.

Qualche segnale di ripresa, cominciò a registrarsi negli anni ’50. Cominciarono a sorgere i primi agglomerati industriali nella zona a nord di Siracusa e nacque il polo petrolchimico, che portò lavoro a molte persone, ma causò anche un graduale abbandono delle campagne e dell'attività agricola. La creazione di queste industrie fu accolta favorevolmente dalla popolazione della zona, perché nell'immediato portò un certo benessere. Oggi, a distanza di anni, forse possiamo dire che non fu la scelta migliore e che invece di deturpare una zona, ricca di siti archeologici, in riva al mare e quindi con grandi potenzialità culturali e turistiche, sarebbe stato meglio investire in questo settore,
Le elezioni politiche del 1948, segnarono l’affermazione in Italia di un nuovo partito politico, la Democrazia Cristiana. A Carlentini invece, si affermarono i comunisti, che per molti anni ebbero la maggioranza assoluta nel consiglio Comunale, e governarono praticamente da soli fino al 1975.

Alla fine degli anni cinquanta, fu istituita un'altra parrocchia. La sede provvisoria fù realizzata all'incrocio tra via Roma, e via Raffaello, nell'edificio, ancona oggi di proprietà della parrocchia, dove adesso ci sono gli Scout. Successivamente, si cominciò a costruire la chiesa di S. Anna e del Cuore Immacolato di Maria nella vicina piazza Cavallotti. La chiesa, di stile moderno, venne aperta al culto nel 1961. Le tavole con i dipinti che ornano l'interno furono realizzati dal Prof. Luciano Bartoli.

Negli anni 60, ci fu il  boom economico, ed in conseguenza di esso, si registrava anche il boom dell'espansione edilizia. Il fenomeno interessò anche il paese di Carlentini. Per costruire nuove abitazioni, si occuparono tutti gli spazi disponibili, si abbatterono edifici anche storici, e non solo. Si asfaltarono le strade, non solo quelle in terra, ma anche quelle principali fatte con basole di pietra nera. Molte tracce del nostro passato vennero cancellate, anche dove non vi era la necessità di costruire. Fu per esempio abbattuta la chiesa sconsacrata che si trovava all'incrocio tra via Roma e via Bellini, per costruire un edificio.

Furono distrutti e non ci sono più tracce degli abbeveratoi, che c'erano in tutti gli ingressi del paese. Ve ne era uno in piazza Malta, un'altro all'inizio di via dello Stadio e uno sotto la villa Belvedere, con annesso lavatoio (anch'esso andato perduto).

Ma sebbene, nel corso dei secoli, si fossero costruite tutte quelle aree libere che nel progetto del Prado, c'erano tra le abitazioni e le mura urbiche, i terreni edificabili a Carlentini erano pochi. La conformazione del centro abitato circondato da dirupi, non consentiva di espandersi in tutte le direzioni. Occorreva quindi cercare nuove aree di espansione. L'unica zona possibile, adiacente al centro abitato, era quella ad ovest, contigua anche agli scavi archeologici, zona dove i carlentinesi hanno sempre desiderato di espandersi.
Il comune di Carlentini (o più correttamente i suoi amministratori), scelsero invece una nuova e vasta area da inserire nel nuovo Piano Regolatore.

Viene così creato Carlentini Nord. L’area è nota come “Santa Tecla” poiché vi sorgeva un’antica Chiesa consacrata a questa Santa, che ebbe un ruolo importante nella vita ed il martirio dei “Santuzzi” Alfio, Filadelfo e Cirino, ai quali era consacrata. L’area infatti è nota anche con questo nome.

L’area scelta, inoltre era abbondantemente sovradimensionata, rispetto alle esigenze dei cittadini Carlentinesi, ma un calcolo del fabbisogno abitativo, quantomeno discutibile, fece si che il P.R.G. venisse approvato, sia dal Comune, che dalla regione (CRU). La zona scelta era ed è, però distaccata dall’abitato di Carlentini ed è adiacente a quello di Lentini. Molti Lentinesi, infatti vi si trasferiscono, mentre i Carlentinesi furono riluttanti a farlo.
Negli anni successivi, l'interesse e gli sforzi economici del Comune, si concentrarono su questa nuova area, che necessitava ovviamente di tutte le infrastrutture, mentre il centro storico era bloccato dai vincoli del Piano Regolatore approvato.
La costruzione di nuove abitazioni ed il conseguente trasferimento di moltissimi Lentinesi, che non trovavano abitazioni nel loro paese, in pochi anni fece aumentare il numero degli abitanti, che arrivarono a quasi 18.000.
Lentini, che aveva fortissime necessità abitative, ma che però non era riuscita a dotarsi di un piano regolatore e creare una zona di espansione, aveva risolto tutti i suoi problemi!

Nella notte del 13 dicembre 1990 (ricorrenza della festa di S. Lucia, patrona di Carlentini) la Sicilia orientale viene scossa da un violento Terremoto. Carlentini fu il centro maggiormente colpito. 13 furono le vittime e più di 2000 i senza tetto. La ricostruzione iniziò a metà degli anni ’90, per concludersi 16 anni dopo. Una nuova zona di espansione è stata creata nella zona ovest, per coloro i quali, non avevano la possibilità di ricostruire la loro abitazione nel sito originario. Moltissime abitazioni sono state demolite e ricostruite, quasi nessuna è stata ristrutturata. L'assetto viario è rimasto inalterato. La ricostruzione ha avuto, tra le altre cose, il merito di aver distrutto le residue testimonianze storiche, che anche il terremoto aveva risparmiato.