Crea sito
logo L' angolo dell' ARTE ECOLOGIA
Alfredo Ossino
HOME GUESTBOOK TECNICHE DISEGNI TRATTATO PITTURA ECOLOGIA a disegni
GLOSSARIO GALLERIA POESIA MATERIALI STORIA dell'arte Costruire IL PRESEPE
ECOLOGIA
AMBIENTE
INQUINAMENTO
Iquinamento ATMOSFERA
EFFETTO SERRA
DISBOSCAMENTO
IL BUCO DELL'OZONO
Iquinamento ACQUE
Iquinamento SUOLO
Iquinamento MARINO
Iquinamento ACUSTICO
Iquinamento ELETTROMAGNETICO
Iquinamento TERMICO
Iquinamento IDROCARBURI
Iquinamento AGRICOLO
Iquinamento FALDE
Iquinamento DOMESTICO
Iquinamento INDUSTRIALE
LE PIOGGE ACIDE
RIFIUTI
RIFIUTI SOLIDI
EUTROFIZZAZIONE ACQUE
USO DELL'ENERGIA
TUTELA DEL PAESAGGIO
RISORSE ALTERNATIVE
CENTRALI NUCLEARI
DECALOGO AMBIENTALE

La globalizzazione ed il consumismo, rischiano di sopraffare l'ambiente in cui viviamo. Alterazioni ambientali, effetto serra, incidenti nucleari, il buco dell'ozono, sono solo alcuni degli elementi, che devono richiamare la nostra attenzione su una maggiore salvaguardia dell'ambiente e della salute dei cittadini. Informare sensibilizzare e porre il problema ecologia all'attenzione di tutti, sono i primi passi da fare in questa direzione.
Dare un contributo a queste finalità è lo scopo di queste pagine.

Alfredo Ossino su Google+

INQUINAMENTO DOMESTICO


inquinamento domestico Per inquinamento domestico s'intende l'inquinamento prodotto dalle normali attività che comunemente si svolgono nell'ambiente domestico o in locali dove si svolgono attività similari.
Molte fonti di inquinamento sono ovviamente comuni a quelle che si producono in ambienti diversi,  la stessa cosa si può affermare anche per alcuni provvedimenti da adottare, come per esempio la riduzione dei consumi di energia o dell'acqua potabile.
In questa pagina vedremo quali provvedimenti particolari si possono adottare in ambito domestico.
PER RIDURRE L'INQUINAMENTO DOMESTICO OCCORRE:

- Al posto dei disincrostanti usare l'aceto.

- Scegliere detersivi meno inquinanti che contengano prodotti naturali: ad esempio il limone è un ottimo sgrassante e deodorante.

- Non buttare nello scarico: materiali inquinanti liquidi (vernici, solventi medicinali, ecc...),solidi (cottonfioc, chewingum, assorbenti, pannolini, cerotti, cotone, ecc..).

- Raccogliere gli oli usati in un recipiente, poi portarli in discarica (non scaricarli nel lavello, un litro di olio rende imbevibile 1.000.000 di litri di acqua).

- Preferire, per le pulizie di casa, l'acqua calda perché è più efficace e quindi necessita di minor quantità di detersivo.

- Ridurre il più possibile l'uso dei detersivi.



INQUINAMENTO DA DETERSIVI

inquinamento detersiviL'inquinamento domestico è strettamente legato all'inquinamento da detersivi.

Le sostanze presenti in maggior quantità in questi prodotti sono i tensioattivi: sali di sodio e composti azotati.

Poi ci sono i fosfati che sono tra i maggiori responsabili dell'eutrofizzazione delle acque.

Queste sostanze sono presenti in alcuni prodotti anche se in misura ridotta rispetto al passato. In molti detersivi sono presenti addensanti, sbiancanti e antischiuma che sono sostanze inquinanti.

Anche i profumi e i coloranti quasi sempre presenti nei detersivi, sono inquinanti, sebbene non svolgono azione detergente, ma solo estetica.

Alcune ditte, sensibili alla difesa dell'ambiente, hanno introdotto tensioattivi di origine vegetale, quindi più biodegradabili, come derivati del glucosio e sostituiscono i fosfati con sostanze naturali come zeoliti e argille.