Crea sito
logo L' angolo dell' ARTE POESIA
Alfredo Ossino
HOME GUESTBOOK TECNICHE DISEGNI TRATTATO PITTURA MATERIALI
GLOSSARIO GALLERIA STORIA dell'arte ECOLOGIA a disegni POESIA Costruire IL PRESEPE
A LIGGI
A MALATIA RARA
A CIVILT┴
A TERRA SICILIANA
L'ANIMALI SOCIALI
A SPIRANZA
A GIUSTIZIA
L'ETNA
SCUETU
I SODDI
U SULI
PINSERI D'INNAMURATU
U POLITICU CA VULISSI
U MARI
A SICILIA
COSI ANTICHI
CHIACCHIRI
I SICILIANI
 
Il mondo vasto dell'arte, comprende anche la poesia. Le poesie in dialetto sono una forma di espressione artistica, che a volte raggiunge vette altissime e che, come poche altre forme dell'arte, riesce a suscitare emozioni. Tra i dialetti, uno dei pi¨ espressivi e che sicuramente conta di una lunga e vasta tradizione culturale, Ŕ il dialetto siciliano.

In queste pagine alcune poesie in dialetto, omaggio alla bella terra di Sicilia


Autore dei contenuti e
Webmaster: Alfredo Ossino

Alfredo Ossino su Google+
Arte

POESIA SICILIANA

Poesia in dialetto siciliano
di Alfredo Ossino

L'ETNA

L'omu Ŕ forti e intelligenti
'nta lu munnu Ŕ lu patruni
di conquistari nun avi 'chi¨ nenti
pirchý cumanna supra a tutti i gnuni.

Ha vinciutu l'animali chi¨ putenti
tagghiatu arvuri, spaccatu muntagni
allurdatu ciumi e siccatu turrenti
ha distrurutu u mari pi li so varagni.

Pi la veritÓ, a natura si difenni
s'impegna sempri 'nta sta lotta
ma ora pari stanca e s'arrenni
e aspetta cueta l'ultima botta.

C'Ŕ per˛ 'na muntagna, vicinu o mari
ca fa sentiri la so vuci putenti,
quannu si stanca di farisi maltrattari
e l'omu, si fa troppu insistenti.

Focu e fiammi jetta 'ncazzata
e a tutti fa trimari,
quannu a lava scinni in calata
l'omu scappa finu o mari.

Mali, per˛ nun ni fa nenti,
mai usa tutta a so putenza,
duna sulu ammunimenti,
pi teniri l'omini a distanza.

Cu beni a voli nun s'arrassa
U sapi, ca dannu nun voli fari,
ma l'avidi scappunu di cussa
e pi 'n pocu a lassunu stari.

Passa u tempu, alleggiu alleggiu,
e l'omu, mancu a dilla,
si ripigghia di curaggiu
e ritorna subutu a 'ncuitalla.

A muntagna, ca cuscienza
di cu Ŕ u chi¨ forti,
alluntana sta prisenza,
ma senza fari morti.

Longa assai Ŕ 'sta verra
l'omu Ŕ forti e nun s'arrenni
avanza sempri 'nta la terra
a muntagna si difenni.

Prima o dopu ha finiri
cu si stanca nun si capisci,
sulu u Signuri p˛ sapiri
cu pi prima s'addrummisci.