Crea sito
logo L'angolo dell'ARTE Alfredo Ossino
HOME GUESTBOOK TECNICHE DISEGNI TRATTATO PITTURA ECOLOGIA a disegni
GLOSSARIO GALLERIA POESIA MATERIALI STORIA dell'arte ALTRO
GRANDI ARTISTI
ANTONELLO da MESSINA
ARCIMBOLDO GIUSEPPE
BOCCIONI UMBERTO
BOTTICELLI SANDRO
BUONARROTI MICHELANGELO
CANALETTO
CARAVAGGIO
CEZANNE PAUL
COURBET GUSTAVE
CIMABUE GIOVANNI
DALI' SALVATOR
DAVID JACQUES LOUIS
DE CHIRICO GIORGIO
DEGAS EDGAR
DONATELLO
DURER ALBRECT
FATTORI GIOVANNI
FIUME SALVATORE
GIOTTO di BONDONE
GAUGUIN PAUL
GOYA FRANCISCO
GUTTUSO RENATO
KANDINSKIJ VASILIJ
KLIMT GUSTAV
TOULOUSE-LAUTREC
LEONARDO DA VINCI
MAGRITTE RENE'
MANET EDOUARD
MATISSE HENRI
JOAN MIRO'
MODIGLIANI AMEDEO
MONET CLAUDE
MORANDI GIORGIO
MUNCH EDVARD
PICASSO PABLO
PISSARRO CAMILLE
RAFFAELLO SANZIO
REMBRANDT
RENOIR AUGUSTE
RUBENS PIETER PAUL
SEGANTINI GIOVANNI
SEURAT GEORGES
SIGNORINI TELEMACO
SISLEY ALFRED
TINTORETTO
TIZIANO VECELLIO
VAN GOGH VINCENT
VELAZQUEZ DIEGO
CORRENTI ARTISTICHE
ACTION_PAINTING
ASTRATTISMO
BAROCCO
CUBISMO
DADAISMO
DECADENTISMO
DIVISIONISMO
ESPRESSIONISMO
FAUVES
FUTURISMO
GOTICO
IMPRESSIONISMO
INFORMALE
IPERREALISMO
LIBERTY
MACCHIAIOLI
METAFISICA
NEOCLASSICISMO
NAIF
POP ART
PUNTINISMO
REALISMO
RINASCIMENTO
ROMANTICISMO
ROCOCO
SURREALISMO

Storia dell'arte
Vita e opere dei principali artisti che hanno fatto la storia dell'arte.
Movimenti artistici e Principali Correnti artistiche.

Autore contenuti e webmaster: alfredo ossino

Alfredo Ossino su Google+

Correnti Artistiche


METAFISICA


De Chirico - Ettore e Andromaca
De Chirico - Ettore e Andromaca
La Metafisica è una corrente pittorica del XX secolo. Essa si prefigge lo scopo di mostrare quello che vi è oltre quello che i sensi normalmente percepiscono, cioè la realtà, intesa come apparenza fisica.

Questa corrente costituisce uno dei grandi contributi italiani all'arte nel periodo delle avanguardie storiche. Esente da qualsiasi innovazione del linguaggio pittorico, la Metafisica è da alcuni esclusa dal contesto vero e proprio delle avanguardie, tuttavia, fornì importanti elementi per la nascita di quella che viene considerata l’ultima tra le avanguardie: il Surrealismo.

Il movimento ufficialmente, nasce in Italia nel 1917, a Ferrara, dall'incontro tra De Chirico e Carlo Carrà, che proveniva dalle file del futurismo.

Nella pittura metafisica predomina la staticità, tutto sembra fermo in un istante senza tempo, gli oggetti e gli spazi sembrano pietrificati. Gli strumenti pittorici che vengono usati, sono quelli tradizionali della pittura e soprattutto la tecnica della prospettiva è molto usata. Il movimento, però non è fermo su posizioni accademiche, ma riesce a trasmettere messaggi nuovi, con una carica di suggestione immediata ed evidente.

Il suo maggiore esponente è sicuramente De Chirico e le atmosfere magiche ed enigmatiche dei suoi quadri, colpiscono proprio per l'apparente semplicità delle sue immagini, ed invece mostrano una realtà diversa da quella che noi conosciamo. Un'analisi più attenta ci mostra la luce irreale che colora gli oggetti e il cielo di tinte innaturali. La prospettiva, è quasi sempre volutamente deformata, e così lo spazio acquista un aspetto inedito. Le scene, hanno un aspetto dilatato e vuoto e in esse predomina l'assenza di vita che supera la realtà, il conosciuto e vanno oltre l'apparenza fisica.

I caratteri fondamentali della pittura Metafisica sono:
- L'assenza nel quadro di figure umane, intesa come l'espressione della solitudine
- La prospettiva del quadro è costruita con molteplici punti di fuga incongruenti tra loro in modo che l'occhio è costretto a ricercare l'ordine di disposizione delle immagini;
- La rappresentazione di manichini, statue, ombre e personaggi mitologici;
- Scene che si svolgono in uno spazio temporale indefinito;
- Le ombre troppo lunghe rispetto a quelle che normalmente dovrebbero essere prodotte dagli orari del giorno rappresentato.
- Campiture di colore piatte e uniformi;

Altri pittori metafisici furono: Giorgio Morandi, Alberto Savinio (Andrea de Chirico, fratello di Giorgio) Filippo De Pisis, Mario Sironi e Felice Casorati.
Nel 1921 il gruppo di artisti del movimento metafisico si sciolse perchè la maggior parte dei suoi protagonisti si erano aggregati ad altre correnti. Ma le idee ed il tipo di pittura, di fatto non scomparvero, restando come esperienza di fondo per molti dei pittori che ne avevano fatto parte.