Crea sito
logo L' angolo dell' ARTE POESIA
Alfredo Ossino
HOME GUESTBOOK TECNICHE DISEGNI TRATTATO PITTURA MATERIALI
GLOSSARIO GALLERIA STORIA dell'arte ECOLOGIA a disegni POESIA Costruire IL PRESEPE
A LIGGI
A MALATIA RARA
A CIVILTÁ
A TERRA SICILIANA
L'ANIMALI SOCIALI
A SPIRANZA
A GIUSTIZIA
L'ETNA
SCUETU
I SODDI
U SULI
PINSERI D'INNAMURATU
U POLITICU CA VULISSI
U MARI
A SICILIA
COSI ANTICHI
CHIACCHIRI
I SICILIANI
 
Il mondo vasto dell'arte, comprende anche la poesia. Le poesie in dialetto sono una forma di espressione artistica, che a volte raggiunge vette altissime e che, come poche altre forme dell'arte, riesce a suscitare emozioni. Tra i dialetti, uno dei più espressivi e che sicuramente conta di una lunga e vasta tradizione culturale, è il dialetto siciliano.

In queste pagine alcune poesie in dialetto, omaggio alla bella terra di Sicilia


Autore dei contenuti e
Webmaster: Alfredo Ossino

Alfredo Ossino su Google+
Arte

POESIA SICILIANA

 

Pinseri d'amuri

poesia in dialetto siciliano
di Alfredo Ossino

Un jornu passiannu 'nta la via,
ancora maliriciu stu mumentu,
ti visti e m'innamurai di tia
e ‘nta lu cori portu lu turmentu.

U sentimentu miu nun currispunni
pi tia ha statu sulu nu jocu,
a testa hai nun sacciu unni
L’ amuri miu ti pari pocu.

U cori cchiù da petra tu hai duru
e di l'amuri i peni nun capisci
nti tia a ribummu comu ‘nta muru
e l'amarizza 'nta lu cori crisci.

Sulu a spiranza m'accumpagna,
ma passa u tempu e scurrunu li jorna
e tu, mia nun si cumpagna
e l'amuri to, nti mia nun torna.

Forsi cu lu tempu, bedda mia,
quannu tu finisci di jucari,
e ti quagghia lu sali ‘nta la testa,
‘nta li sentimenti toi poi vardari.

E su allura ti n'adduni, di ‘na mossa,
ca l'amuri miu sempri dura,
amuri miu, veni di cussa
ca t'aspettu sempri ‘nta sti mura.

Ma pi tannu, chista è a spiranza,
ca mi susteni ‘nta ‘sti peni,
ca nun provu chiù sta suffirenza
e lu duluri miu ‘nti tia veni.

E accussi sulu poi capiri,
cu u sapi tra quant'anni,
chi sunu i peni di l'amuri,
quannu l'amuri nun t'arrispunni.

Ma su ‘nta stu cori resti prisenti
macari ca t'aspettu ‘ppi tant'anni,
su ancora ti portu ‘nta la menti,
Veni ca facemu festa ranni.