Crea sito
logo L' angolo dell' ARTE Alfredo Ossino
HOME GUESTBOOK TECNICHE DISEGNI TRATTATO PITTURA ECOLOGIA a disegni
GLOSSARIO GALLERIA POESIA MATERIALI STORIA dell'arte ALTRO
TECNICHE ARTISTICHE
ACQUAFORTE ACQUATINTA
AFFRESCO
BASSORILIEVO
BOZZETTO e GRAFICA
BULINO
CERAMICA
CERA MOLLE
COLLAGE
DECOUPAGE
ENCAUSTO
FROTTAGE
GOUACHE o GUAZZO
GRAFFITI
ICONA
LINOLEOGRAFIA
LITOGRAFIA
MEZZATINTA
MINIATURA
MONOTIPO
MOSAICO
MURALES
PITTURA POLIMATERICA
PUNTASECCA
SBALZO
SCULTURA
SERIGRAFIA
STAMPE ARTISTICHE
STENCIL
TECNICHE MISTE
TROMPE L'OEIL
XILOGRAFIA
 

In queste pagine, potetre trovare la descrizione e la spiegazione di altre tecniche artistiche, non solo di pittura, ma anche di scultura, mosaico, bassorilievo, collage, ceramica e i vari metodi per realizzare stampe artistiche.

Webmaster: Alfredo Ossino
Alfredo Ossino su Google+

PUNTASECCA


Rembrandt le tre croci
Rembrandt - Le tre croci - 1653 circa -
puntasecca e bulino cm_55x45
La puntasecca è il nome di una tecnica di incisione e di stampa.
Con questa tecnica, si incide direttamente il metallo, senza servirsi di acidi.
Il nome di questa tecnica, deriva dall'utensile che viene usato per incidere la matrice.
Si tratta di una punta di metallo, molto dura e affilata.
L'utensile è sottile e tagliente. Ha l'aspetto di una matita, si usano diversi tipi di punte. La punta può essere affusolata ad ago o sfaccettata ed è di spessore variabile. Ancora migliori, sono le punte di diamante.

La pressione, che si esercita sulla punta, determina la profondità e quindi di larghezza del solco, che in fase di stampa, darà un segno più o meno intenso.
Viene usata graffiando, rigando o raspando.

Durante l'operazione, vengono sollevati, dalla matrice, dei filamenti di metallo detti barbe.
Questi filamenti o sbavature, al contrario di quanto avviene nella tecnica a bulino, non vengono tolte.

Esse al momento dell'inchiostrazione trattengono l'inchiostro e conferiscono al segno un aspetto vellutato caratteristico.

La pressione esercitata in fase di stampa, però le distrugge rapidamente e di conseguenza, man mano che si procede con la stampa, l'aspetto di queste viene alterato.
Questa tecnica, può quindi essere usata solo per tirature di stampa limitate.
Le matrici normalmente sono di rame o di zinco.
Nei tempi moderni qualche artista ha anche usato il plexiglas, che, è molto più facile da incidere. Inoltre, essendo trasparente è più facile controllare il risultato, durante la fase di incisione, mentre con gli altri materiali si dovevano aspettare le stampe di prova.

La puntasecca, ebbe una grande diffusione nel XV secolo, sopratutto in Olanda. Uno dei più grandi maestri in questa tecnica, fu Rembrandt.