logo L'angolo dell'ARTE Alfredo Ossino

Materiali usati nel DISEGNO e nella PITTURA


GESSO, PRIMER, MESTICA


GESSO

Il gesso viene ricavato dalla macinazione del materiale omonimo e può essere più o meno raffinato e granuloso. Viene usato in scultura per realizzare stampi, calchi, statue, bassorilievi ecc.
Confezionato in bacchette, viene usato anche per scrivere su lavagne e per disegnare. Quello più usato è di colore bianco, ma esistono in commercio gessi colorati ottenuti mescolando il materiale con altri minerali.
Viene usato molto, anche in edilizia per diverse applicazioni. Una delle sue caratteristiche è quella di asciugare molto rapidamente. Teme però l'umidità, che lo può alterare e spaccare.

Il termine gesso è anche usato nel campo medico per indicare una ingessatura, ossia la fasciatura composta da garze mescolate a gesso utilizzate per immobilizzare una parte del corpo a causa di una frattura ossea. I gessi si utilizzano anche in odontoiatria per realizzare impronte di arcate dentarie o modelli.

GESSO PRIMER

Gesso acrilico, adatto per la pittura acrilica ed a olio. Si usa per tutte le tecniche decorative e il decoupage. Non richiede incollatura prima di essere applicato. Il gesso primer regola l'assorbimento e l'adesione dei colori. Ha un grande potere coprente ed è ottimo come base. Il gesso acrilico è una preparazione universale applicabile a ogni tipo di supporto. Anche se il risultato è diverso e dipende dalla qualità e anche del tipo di superficie.

Regola l'assorbimento e l'adesione dei colori su ogni superficie, offre il massimo potere coprente ed è il fondo migliore anche con una sola mano. Il gesso acrilico è la preparazione più versatile ed economica per ogni tipo di supporto

Indicato per supporti tipo legno, cartone, multistrato, intonaco e cemento. Asciuga in poche ore e rimane elastico. Forma uno strato grazie al quale tutti i colori, anche quelli ad olio, aderiscono bene ai differenti materiali di supporto. Non si può usare per colori che contengono solventi.


MESTICA

Il termine significa mescolanza, impasto, fusione. E' il procedimento con il quale si mescolano i pigmenti di colore con il liquido utilizzato come legante: colla, gomma, uovo, olio di lino cotto,gesso ecc.
Con questo termine viene indicata anche l'imprimitura, che è la fase preparatoria della tela e serve ad unire i colori al supporto. Esistono diverse ricette per la preparazione, ma gli ingredienti base sono quelli elencati sopra.
Si possono aggiungere anche altri elementi, che hanno funzioni diverse: il latte, la farina, l'amido, la glicerina, la cera, il miele, il sapone per rendere l'imprimitura più elastica e l'aceto per rallentare la coagulazione della colla.

Per applicare la mestica, passare prima una mano di colla diluita sulla superficie e quindi procedere all'appliaczione della mestica con un pennello largo e piatto di setola, in modo da distenderla in modo omogeneo ed evitare ispessimenti.