Crea sito
logo L'angolo dell'ARTE Alfredo Ossino
HOME GUESTBOOK TECNICHE DISEGNI TRATTATO PITTURA ECOLOGIA a disegni
GLOSSARIO GALLERIA POESIA MATERIALI STORIA dell'arte ALTRO
IL DISEGNO
INQUADRA SOGGETTO
EQUILIBRIO OPERA
IMPRIMITURA E BASE
TEORIA DEI COLORI
TEORIA DELLE OMBRE
TRAPPOLA DEI GRIGI
DISEGNARE GLI ALBERI
DISEGNO A MATITA
IL CORPO UMANO
CORPO in MOVIMENTO
DISEGNO MANI
DISEGNO PIEDI
DISEGNO TESTA E VISO
DISEGNO DEGLI OCCHI
DISEGNO CARBONCINO
LA PROSPETTIVA
MATITE COLORATE
MATITE E CRETE
MATITE ACQUERELLABILI
INCHIOSTRI
GESSI COLORATI
ACQUERELLO
DIPINGERE GLI ALBERI
IL PAESAGGIO
NATURA MORTA
COLORI A TEMPERA
PITTURA A TEMPERA
COLORI ACRILICI
COLORI AD OLIO
PITTURA AD OLIO
FUMETTO
CARICATURA
DISEGNO al COMPUTER

ARTE, tecnica, disegno, pittura con colori ad olio, pittura con colori a tempera, pittura con colori acrilici, dipingere ad acquerello, disegno con il carboncino, elementi di prospettiva, disegnare e dipingere gli alberi, disegnare e dipingere il paesaggio, disegnare il corpo umano, disegno con le matite colorate, disegno con matite e crete, disegno con gli inchiostri, disegnare il fumetto, teoria del colore,
glossario dei termini,
materiali da disegno,
materiali per la pittura,
galleria quadri, galleria Artisti.
Ecologia
Poesia Siciliana
Frammenti di storia dell'arte

Autore contenuti e webmaster:
Alfredo Ossino


mail: alfredo.ossino@alice.it

Alfredo.Ossino@alice.it su Google+
tavolozza e colori

PITTURA CON I COLORI A TEMPERA

La pittura a tempera in passato è stata la più praticata nell'arte di dipingere. In seguito è stata sostituita gradualmente dalla pittura a olio. A livello didattico conserva una grande importanza, per la sua praticità e semplicità d’uso, per il forte potere coprente e la rapidità di essiccazione. I colori a tempera sono apprezzati perché si ottengono superfici uniformi e coprenti, si stendono e si lavorano con facilità ed asciugano in pochi minuti. Aderiscono a qualsiasi supporto sgrassato e poroso, come carta, cartone, legno, gesso e terracotta. Si possono creare strati uniformi di colore senza segni di pennellate. Dopo l'essiccazione hanno un aspetto opaco e vellutato. Incominciare a dipingere con colori a tempera è sicuramente un'ottima idea, infatti sono semplici da usare e anche economici.

DIPINGERE CON I COLORI A TEMPERA


Dipingere con i colori a tempera è molto semplice e occorrono pochi materiali. I colori a tempera non sono molto costosi, anche se ovviamente ne esistono molte qualità.

Colori temperaUno dei vantaggi dei colori a tempera, rispetto i colori ad olio è che sono a base di acqua.
Quindi basta l'acqua sia per diluire i colori, che per lavare i materiali usati. I pennelli si lavano sotto acqua corrente e per un risultato migliore, si può aggiungere un pò di comune sapone.

Questo rende tutto più agevole e quindi si possono utilizzare anche ritagli di tempo relativamente brevi per dipingere.

I colori a tempera asciugano in poco tempo e questo crea il vantaggio di poter fare ritocchi o stesure successive di colore senza aspettare troppo, ma ha lo svantaggio di dover sfumare velocemente e con decisione i colori.

Non è consigliabile usare questi colori se si vogliono ottenere sfumature delicate o realizzare particolari che necessitano di lunghi tempi di lavorazione con il colore umido.

OCCORRENTE PER DIPINGERE CON I COLORI A TEMPERA


Colori base in tubetti o in vasetti
In commercio esistono scatole già pronte (di varie marche) con i colori più usati. Anche confezioni molto economiche, adatte ai principianti.

Colore temperaIl formato più utilizzato per  questi colori sono i tubetti, sono disponibili in varie grandezze. Il formato più grande è consigliabile per i colori che si consumano con più frequenza come il bianco, che serve per schiarire e per ammorbidire i toni. Le tempere sono facilmente amalgamabili, si può quindi lavorare anche con pochi colori, più nero e bianco.
Si possono trovare anche confezioni in vasetti.

Con le tempere si possono usare sia i pennelli morbidi che quelli di setola. La scelta (e la misura) dipende dal tipo di lavoro che si deve eseguire.
tela
Stracci per asciugare le mani ed i pennelli.

Contenitori per l'acqua, uno per diluire i colori e l’altro per pulire i pennelli. L’acqua deve essere sempre pulita.

Una tavolozza o degli scodellini o semplici piatti.

Si può dipingere su qualsiasi superficie:  quasi tutti i tipi di carta, cartoncino, tela, tavola, terracotta ecc... La carta non deve essere troppo leggera per evitare increspature, si può stendere la carta anche su un telaio.

pittura a tempera
La pittura a tempera ha la caratteristica di schiarire un pò una volta asciugata. Per verificare gli effetti dei vostri colori, conviene fare delle prove.


 I colori a tempera, per essere usati devono essere diluiti con l'acqua.
sfumatura
Il colore non deve essere troppo liquido, perché aggiungendo troppa acqua si ottiene un effetto simile ad un acquerello non trasparente. Aggiungendone troppo poca, il colore diventa difficile da stendere e seccando si screpolerà (soprattutto se date più mani di colore).
bicchieri acquaLa pittura a tempera è adatta per superfici di colore uniformi, poiché asciugando rapidamente, è difficile ottenere sfumature.

L'unico modo per creare delle sfumature è lavorare velocemente con il colore fresco.
Provate con due colori, stendetene uno a sinistra e l’altro a destra molto rapidamente, dove i colori si congiungono date delle rapide pennellate trasversali, passate quindi un grosso pennello piatto, poco inumidito per rifinire la sfumatura. Il risultato non sarà perfetto come con i colori ad olio, ma con un pò di pratica si ottengono risultati soddisfacenti.

Colori a temperaCOMPOSIZIONE DEI COLORI A TEMPERA


I colori a tempera sono formati da pigmenti mescolati con acqua distillata e agglutinanti diversi, come la chiara d'uovo, il latte di fico, la cera, la colla, che li rendono diluibili in acqua e quindi facili da usare. A differenza dell'acquerello i colori a tempera sono molto coprenti.

Oggi, il termine tempera identifica comunemente un prodotto preconfezionato che corrisponde ad un impasto di pigmenti con collanti deboli (caseina) adatto genericamente a pittura su carta.

FISSATIVO

CONSERVAZIONE DEI DIPINTI

Le pitture a tempera devono essere sempre verniciate per una buona conservazione nel tempo.
Per verniciare un quadro a tempera, bisogna prima assicurarsi che sia ben asciutto.
Si può verniciare a pennello, con delicatezza e senza strofinare troppo il pennello.
In alternativa, esistono delle confezioni spray. Potete usare lo stesso prodotto indicato per lavori a matita o a carboncino.

Quando il lavoro è completo ed asciutto spruzzate il dipinto con del fissativo spray, che crea uno strato protettivo. Spruzzate il fissativo da una distanza di circa 30 cm., se lo fate troppo da vicino potreste creare delle macchie. Tenete il lavoro in posizione orizzontale, fino a quando il fissativo non sarà asciugato, per evitare scolature. E’ consigliabile spruzzare poco fissativo e ripetere l’operazione, quando sarà asciugato.

Dopo aver ultimato il lavoro, tenete i vostri dipinti in un ambiente aerato e privo di umidità e se possibile incorniciateli subito con un vetro protettivo, badando che non sia a contatto con la superficie dipinta.

Potete usare diversi tipi di vernici, purché siano incolori e trasparenti, per evitare di alterare i colori del dipinto. Normalmente la vernice si diluisce con essenza di trementina. Esistono in commercio vernici a base di resine sintetiche, che asciugano subito e non ingialliscono. Si trovano in commercio sia vernici opache che lucide.
Ottime sono pure le vernici ad acqua.
I dipinti vanno conservati lontano da fonti di calore, perché potrebbero screpolarsi.

PULIZIA e CONSERVAZIONE DEI MATERIALI


Dopo aver finito di dipingere a tempera, bisogna lavare tutto molto bene con acqua. Se rimangono tracce di colore sulla tavolozza, la volta successiva che si usa, i nuovi colori si mescoleranno con i residui dei vecchi.

Bisogna accertarsi che i tubetti siano ben chiusi, altrimenti i colori possono seccare in pochissimo tempo.
Conservate i colori in posti freschi e asciutti.

CURIOSO, MA UTILE


L’aceto oltre che come conservante, può essere utilizzato anche come antitarlo sulle tavole di legno, sopratutto sul retro della tavola da dipingere.

Miele o zucchero
Mescolati alla tempera, rallentano l’essiccamento dei colori.

Il latte è un ottimo fissativo per i disegni su tela e su tavola, viene usato anche per rendere meno assorbenti le superfici sulle quali è passato.

phonCONSIGLI

Non abbiate fretta di finire, è molto facile sbagliare. Ricordate sempre  di iniziare a dipingere dai colori più chiari, in modo da effettuare facilmente eventuali correzioni (i colori scuri sono più coprenti).

Non affrettare la fase di asciugatura usando il phon. Il colore potrebbe screpolare e scrostarsi.


ESPERIMENTO


L'uomo è un animale abitudinario, di conseguenza anche i suoi organi seguono lo stesso principio.
I nostri occhi si abituano agli errori ed anche la nostra capacità critica e di riconoscerli, si affievolisce con l'abitudine. Avendo osservato, fin dal nascere il vostro quadro, vi assicuro che alla fine difficilmente noterete eventuali errori. Mettete da parte la vostra opera e riguardatela dopo alcuni giorni. Sicuramente noterete eventuali errori, sia di disegno che di pittura, che non avevate notato prima. Procedete quindi alle vostre correzioni.
Se volete invece ultimare subito il lavoro, vi posso suggerire un piccolo trucco. Mettete il quadro davanti ad uno specchio ed osservatelo attraverso di esso.
Ovviamente vedrete tutto ribaltato di 180 gradi. Quello che è a sinistra lo vedrete a destra e viceversa. Avrete la sensazione di guardare qualcosa di nuovo, non quello che avete avuto per tanto tempo sotto gli occhi. Si risveglierà il vostro senso critico e la capacità di osservazione.