Crea sito
logo L'angolo dell'ARTE Alfredo Ossino
HOME GUESTBOOK TECNICHE DISEGNI TRATTATO PITTURA ECOLOGIA a disegni
GLOSSARIO GALLERIA POESIA MATERIALI STORIA dell'arte Costruire IL PRESEPE
GRANDI ARTISTI
ANTONELLO da MESSINA
ARCIMBOLDO GIUSEPPE
BOCCIONI UMBERTO
BOTTICELLI SANDRO
BUONARROTI MICHELANGELO
CANALETTO
CARAVAGGIO
CEZANNE PAUL
COURBET GUSTAVE
CIMABUE GIOVANNI
DALI' SALVATOR
DAVID JACQUES LOUIS
DE CHIRICO GIORGIO
DEGAS EDGAR
DONATELLO
DURER ALBRECT
FATTORI GIOVANNI
FIUME SALVATORE
GIOTTO di BONDONE
GAUGUIN PAUL
GOYA FRANCISCO
GUTTUSO RENATO
KANDINSKIJ VASILIJ
KLIMT GUSTAV
TOULOUSE-LAUTREC
LEONARDO DA VINCI
MAGRITTE RENE'
MANET EDOUARD
MATISSE HENRI
JOAN MIRO'
MODIGLIANI AMEDEO
MONET CLAUDE
MORANDI GIORGIO
MUNCH EDVARD
PICASSO PABLO
PISSARRO CAMILLE
RAFFAELLO SANZIO
REMBRANDT
RENOIR AUGUSTE
RUBENS PIETER PAUL
SEGANTINI GIOVANNI
SEURAT GEORGES
SIGNORINI TELEMACO
SISLEY ALFRED
TINTORETTO
TIZIANO VECELLIO
VAN GOGH VINCENT
VELAZQUEZ DIEGO
CORRENTI ARTISTICHE
ACTION_PAINTING
ASTRATTISMO
BAROCCO
CUBISMO
DADAISMO
DECADENTISMO
DIVISIONISMO
ESPRESSIONISMO
FAUVES
FUTURISMO
GOTICO
IMPRESSIONISMO
INFORMALE
IPERREALISMO
LIBERTY
MACCHIAIOLI
METAFISICA
NEOCLASSICISMO
NAIF
POP ART
PUNTINISMO
REALISMO
RINASCIMENTO
ROMANTICISMO
ROCOCO
SURREALISMO

Storia dell'arte
Vita e opere dei principali artisti che hanno fatto la storia dell'arte.
Movimenti artistici e Principali Correnti artistiche.

Autore contenuti e webmaster: alfredo ossino

Alfredo Ossino su Google+

Correnti Artistiche

DIVISIONISMO

segantini_pascoli_di_primavera
Giovanni Segantini - Pascoli di Primavera

Pellizza da Volpedo quarto stato
Giuseppe Pellizza da Volpedo - Il quarto stato

Previati pace o mattino nel prato
Gaetano Previati - Pace o mattino nel prato

Gaetano Previati Autoritratto
 Gaetano Previati Autoritratto
Il divisionismo non può essere definito un movimento pittorico perché non ha regole scritte, da rispettare per dipingere con questo stile, è però una delle più importanti correnti artistiche italiane.

Si sviluppò tra il fine '800 e l’inizio del 900, ed elaborò la tecnica del Puntinismo francese, subendo anche l'influenza del Simbolismo.

Il Divisionismo italiano elaborò uno stile più semplice, spontaneo e meno rigoroso nell'applicazione delle norme tecniche di quello francese. Ai puntini, si preferiscono filamenti, svirgolature e impasti di colore.

Il teorico del Divisionismo italiano fu Gaetano Previati, la cui tecnica a lunghi filamenti ondeggianti raggiunge risultati suggestivi.

Il termine Divisionismo deriva dalla tecnica pittorica che accomunava i principali esponenti della corrente artistica, quindi si può considerare un procedimento o una modalità del dipingere.

Il procedimento di scomposizione dei colori, nei colori elementari e complementari che li compongono, per riprodurre il meccanismo della percezione visiva. I colori venivano accostati puri sulla tela sotto forma di piccole pennellate, simili a macchioline o virgolette, lasciando all'occhio dello spettatore il compito di ricomporli.

La tecnica divisionista non era solo una variante del Puntinismo, sviluppato in Francia, ma una rielaborazione, combinata con una forte matrice simbolista.

I soggetti trattati, rappresentano temi a contenuto simbolico o allegorico, e si occupano anche di tematiche a sfondo sociale. L’aggravarsi delle problematiche sociali di fine secolo, che tende allo sfruttamento delle masse, viene interpretata e messa in luce dai pittori, che usano l’arte come mezzo per aprire una via alla soluzione dei problemi della vita.

Dal punto di vista tecnico i Divisionisti realizzano gli stessi risultati, non con puntini accostati, ma filamenti irregolari accostati o sovrapposti.

La corrente artistica del Divisionismo cominciò a svilupparsi attorno al 1886 in tutta Italia, ma principalmente a Milano. Ufficialmente la corrente nacque nel 1891, quando le prime opere divisioniste vennero esposte all'esposizione Triennale di Brera.

Uno dei principali protagonisti fu il pittore, teorico e mercante d'arte Vittore Grubicy de Dragon che, grazie alle conoscenze che aveva del mercato europeo, ne diffuse l'opera all'estero.  I principali esponenti di questo movimento artistico furono Giovanni Segantini, Gaetano Previati, Giuseppe Pellizza da Volpedo, Angelo Morbelli, Emilio Longoni, Vittore Grubicy de Dragon e Carlo Fornara.