Crea sito
logo L'angolo dell'ARTE Alfredo Ossino
HOME GUESTBOOK TECNICHE DISEGNI TRATTATO PITTURA ECOLOGIA a disegni
GLOSSARIO GALLERIA POESIA MATERIALI STORIA dell'arte ALTRO
GRANDI ARTISTI
ANTONELLO da MESSINA
ARCIMBOLDO GIUSEPPE
BOCCIONI UMBERTO
BOTTICELLI SANDRO
BUONARROTI MICHELANGELO
CANALETTO
CARAVAGGIO
CEZANNE PAUL
COURBET GUSTAVE
CIMABUE GIOVANNI
DALI' SALVATOR
DAVID JACQUES LOUIS
DE CHIRICO GIORGIO
DEGAS EDGAR
DONATELLO
DURER ALBRECT
FATTORI GIOVANNI
FIUME SALVATORE
GIOTTO di BONDONE
GAUGUIN PAUL
GOYA FRANCISCO
GUTTUSO RENATO
KANDINSKIJ VASILIJ
KLIMT GUSTAV
TOULOUSE-LAUTREC
LEONARDO DA VINCI
MAGRITTE RENE'
MANET EDOUARD
MATISSE HENRI
JOAN MIRO'
MODIGLIANI AMEDEO
MONET CLAUDE
MORANDI GIORGIO
MUNCH EDVARD
PICASSO PABLO
PISSARRO CAMILLE
RAFFAELLO SANZIO
REMBRANDT
RENOIR AUGUSTE
RUBENS PIETER PAUL
SEGANTINI GIOVANNI
SEURAT GEORGES
SIGNORINI TELEMACO
SISLEY ALFRED
TINTORETTO
TIZIANO VECELLIO
VAN GOGH VINCENT
VELAZQUEZ DIEGO
CORRENTI ARTISTICHE
ACTION_PAINTING
ASTRATTISMO
BAROCCO
CUBISMO
DADAISMO
DECADENTISMO
DIVISIONISMO
ESPRESSIONISMO
FAUVES
FUTURISMO
GOTICO
IMPRESSIONISMO
INFORMALE
IPERREALISMO
LIBERTY
MACCHIAIOLI
METAFISICA
NEOCLASSICISMO
NAIF
POP ART
PUNTINISMO
REALISMO
RINASCIMENTO
ROMANTICISMO
ROCOCO
SURREALISMO

Storia dell'arte
Vita e opere dei principali artisti che hanno fatto la storia dell'arte.
Movimenti artistici e Principali Correnti artistiche.

Autore contenuti e webmaster: alfredo ossino

Alfredo Ossino su Google+

GIOTTO DI BONDONE


VITA E OPERE

L'artista è conosciuto comunemente con il solo nome di Giotto. Il pittore nacque in una famiglia contadina nel 1266 o nel 1267 a Colle, frazione di Vespignano (nel Mugello presso Firenze).
Di famiglia povera, si racconta che fu notato dal pittore Cimabue, mentre ancora piccolo, era intento a disegnare su una pietra piatta le pecore che conduceva al pascolo. Il maestro, rimase impressionato dalla bravura del giovinetto, convinse i genitori e condusse con se il pastorello, che divenne il suo allievo.
Anche se non si può attribuire a una sola persona un generale mutamento culturale e artistico, alcune persone danno un'impronta fondamentale e un impulso unico al cambiamento. Giotto di Bondone è stato indubbiamente l'artefice di un profondo mutamento del linguaggio figurativo. Egli fu iniziatore di uno stile nuovo, che segnò un punto di rottura con il passato e aprì la via alla modernità dello stile gotico.
 
giotto saluto di gioacchino e santanna
 Saluto di Gioacchino e Sant'Anna

giotto Giudizio Universale
 Giudizio Universale -
affresco 1305-1313

giotto
Ritratto
Con il suo maestro Cimabue, il giovane viaggiò a Roma e Assisi e fece le sue prime esperienze ed acquisì le tecniche pittoriche.
Durante il suo apprendistato acquisì il senso del colore dal gusto bizantino e fu influenzato dall'espressione grafica fiorentina, tesa a dare maggior vigore plastico alle raffigurazioni. Giotto di Bondone seppe quindi liberarsi dalla stilizzazione della pittura gotica ed amalgamò il tutto costruendo uno stile personale e sorprendentemente moderno. Ben presto superò i suoi maestri ed iniziò a dipingere per conto proprio.

Nel 1290, dipinse, le Storie di Isacco affrescate nella chiesa superiore di Assisi.
Non sembra esserci soluzione di continuità tra queste opere e quelle del ciclo inferiore dedicate alla Vita di S. Francesco, sebbene si pensi a un viaggio a Roma in questo periodo e soprattutto alla maggior influenza di Cavallini, che si riscontra in questo secondo ciclo pittorico.
In poco tempo diventò maestro e il suo stile innovativo iniziò ad affermarsi. Alla fine del secolo si possono far risalire le sue più antiche opere fiorentine: la Madonna di San Giorgio alla Costa e il Crocifisso in Santa Maria Novella.
Nel 1287, Giotto sposò Ciuta di Lapo del Pela, dalla quale ebbe cinque figli: quattro femmine e un maschio.
Tra la fine del Duecento e l’inizio del Trecento, lavorò a Roma, dove attese al lavoro del ciclo papale nella Basilica di San Giovanni in Laterano e ad altre decorazioni (dipinse la Proclamazione dell'Anno Santo e realizzo il mosaico della Navicella) in occasione del Giubileo del 1300, indetto da Papa Bonifacio VIII.
Ad Assisi, controllò l'andamento della decorazione della Chiesa Superiore di San Francesco.

Già nel 1300 Giotto di Bondone era un pittore affermato, con una bottega avviata ed un discreto patrimonio. Possedeva molti terreni ed aveva raggiunto grande fama sia come pittore, che come architetto. Boccaccio lo definì  “il miglior dipintor del mondo” e la sua fama d’innovatore del gusto e dello stile artistico iniziò e si diffuse subito, sin dagli inizi della sua attività. La sua arte, fu un modello ed una guida anche per le generazioni successive, sino al Rinascimento. Egli utilizza gli strumenti pittorici e la prospettiva con una propria libertà, scegliendoli e subordinandone l'uso all'effetto che intende raggiungere. Sopratutto negli affreschi mostra una padronanza eccezionale della prospettiva.

Rari e variamente interpretati sono i documenti sulla sua partecipazione al cantiere della basilica superiore di San Francesco ad Assisi.
A Santa Maria Novella dipinge il monumentale Crocifisso con Cristo raffigurato, (fuori dai canoni tradizionali), umanissimo e sofferente. Anche i benedettini richiedono al pittore un'opera per l'altare della loro chiesa fiorentina (Polittico di Badia, oggi agli Uffizi). A Rimini, il pittore esegue, alcuni affreschi, che sono andati perduti e un Crocifisso per la chiesa di San Francesco. Tra il 1303 ed il 1305, si trasferisce a Padova dove attende alla decorazione della cappella degli Scrovegni. Qui esegue l'Annunciazione e Il Giudizio universale, trentasette scene della Vita di Gesù e di Maria e figure allegoriche dei Vizi e delle Virtù. Questo è il maggior periodo di attività dell'artista, le sue figure diventano più costruite, più umane e le scene meglio impostate plasticamente.

Tra il 1307 e il 1308 è ad Assisi, impegnato nella decorazione della cappella della Maddalena. Nel 1311 Giotto tornò a Firenze: la sua presenza in città è testimoniata dai documenti di alcune speculazioni finanziarie.
Nel 1327 s'iscrisse all'Arte dei Medici e degli Speziali. Aveva già concluso i dipinti della Cappella Peruzzi e Bardi nella Chiesa francescana di Santa Croce, e il polittico francescano, oggi smembrato in vari musei. Gli interventi dell'artista nella basilica di San Pietro a Roma commissionati dal cardinale Jacopo Stefaneschi, sono di datazione incerta (Il polittico, il mosaico della Navicella, di cui restano solo due busti di angeli, e i perduti affreschi dell'abside).
A Firenze esegue la Madonna di Ognissanti degli Uffizi e gli affreschi delle cappelle Peruzzi (1315-1320) e Bardi (1320-1325) in Santa Croce.
Nel 1328 Giotto è chiamato a Napoli da Roberto d'Angiò. Nel 1334 viene nominato capomastro dell'Opera di Santa Reparata (Santa Maria del Fiore) e sovrintendente delle opere pubbliche di Firenze. Iniziò subito i lavori per il campanile, ma non portò mai a termine l'opera, poichè morì, l'8 gennaio 1337.
Nel 1336 è a Milano, aveva affrescato una sala del palazzo di Azzone Visconti(oggi distrutto). Giotto di Bondone è stato uno dei più grandi artisti italiani per la profondità di concezione, innovazione e l’uso di un linguaggio semplice ed universale.