Crea sito
logo L' angolo dell' ARTE Alfredo Ossino
HOME GUESTBOOK TECNICHE DISEGNI TRATTATO PITTURA MATERIALI GLOSSARIO GALLERIA Storia dell'arte ECOLOGIA a disegni POESIA Costruire il PRESEPE
IL DISEGNO
INQUADRARE SOGGETTO
EQUILIBRIO DELL'OPERA
IMPRIMITURA E BASE
TEORIA DEI COLORI
TEORIA DELLE OMBRE
TRAPPOLA DEI GRIGI
DISEGNARE GLI ALBERI
DISEGNO A MATITA
DISEGNO CORPO UMANO
CORPO IN MOVIMENTO
DISEGNO MANI
DISEGNO PIEDI
DISEGNO TESTA E VISO
DISEGNO DEGLI OCCHI
DISEGNO A CARBONCINO
LA PROSPETTIVA
MATITE COLORATE
MATITE E CRETE
MATITE ACQUERELLABILI
INCHIOSTRI
GESSI COLORATI
ACQUERELLO
DIPINGERE GLI ALBERI
IL PAESAGGIO
NATURA MORTA
COLORI A TEMPERA
PITTURA A TEMPERA
COLORI ACRILICI
COLORI AD OLIO
PITTURA AD OLIO
FUMETTO
CARICATURA
DISEGNO col COMPUTER

ARTE, tecnica, disegno, pittura con colori ad olio, pittura con colori a tempera, pittura con colori acrilici, dipingere ad acquerello, disegno con il carboncino, elementi di prospettiva, disegnare e dipingere gli alberi, disegnare e dipingere il paesaggio, disegnare il corpo umano, disegno con le matite colorate, disegno con matite e crete, disegno con gli inchiostri, disegnare il fumetto, teoria del colore,
glossario dei termini,
materiali da disegno,
materiali per la pittura,
galleria quadri, galleria Artisti.
Ecologia
Poesia Siciliana
Frammenti di storia dell'arte
Autore contenuti e webmaster:
Alfredo Ossino
mail: alfredo.ossino@alice.it
Alfredo.Ossino@alice.it su Google+
Alfredo.Ossino@alice.it su Google+

IL PAESAGGIO

IL paesaggio è uno dei temi di maggior interesse per i pittori. Tutti i più grandi artisti, si sono cimentati in questo genere. Non è difficile disegnare e dipingere un paesaggio, tuttavia bisogna conoscere alcune cose. In questa pagina ci sono alcune indicazioni utili e suggerimenti per disegnare e dipingere il paesaggio.

DISEGNARE E DIPINGERE UN PAESAGGIO

La scelta del soggetto e l'inquadratura

inquadratura soggetto La prima cosa da fare per realizzare un paesaggio è la scelta del soggetto. Il disegno dal vero, ci permette di scegliere soggetti interessanti e variegati. La superficie della tela o del foglio è però limitata e siamo quindi costretti a riprendere solo una parte del nostro soggetto, anche se ci verrebbe voglia di fronte ad un bel paesaggio di riprodurlo a 360 gradi. Si pone quindi il problema dell'inquadratura. Per aiutarci è molto utile una cornice di cartoncino attraverso la quale guardare il nostro paesaggio. Anche le macchine fotografiche digitali sono un ottimo aiuto, possiamo fare diverse foto e quindi scegliere quell'inquadratura e quella prospettiva che più ci piace.

Scegliete il soggetto che volete disegnare e fate uno schizzo sul supporto che avete deciso di usare (carta, tela ecc.). Fate attenzione all'inquadratura, alle proporzioni ed alla prospettiva. Valutate la ripartizione delle masse sulla tela, per evitare che il vostro disegno risulti troppo carico da una parte e vuoto da un'altra. Iniziate quindi a disegnare il soggetto.

Le fasi della pittura del paesaggio

disegnare paesaggio
Cominciate con delimitare le grandi masse per definire le proporzioni dell'insieme.
Stabilite i punti di fuga e ricordatevi della prospettiva. Ricordatevi che occorre rispettarla sempre, ma sopratutto nei paesaggi, anche in quelli dove non ci sono linee prospettiche nette. Ricordate che un oggetto, lontano, è più piccolo di un oggetto uguale posto più vicino.
Definite i piani principali del paesaggio.
Disegnate con tratti leggeri in modo da poter effettuare facilmente le correzioni.
Prima di cominciare a dipingere controllate il tutto e definite quindi i particolari. Una buona pittura parte sempre da un buon disegno
colorare paesaggio
Stabilite adesso la posizione delle fonte luminosa che da luce al vostro soggetto (in questo caso è in alto a sinistra).
Nei paesaggi è il sole, tranne che si vogliano ottenere effetti particolari come pioggia, paesaggi notturni (in questo caso sarebbe la luna) o illuminati artificialmente come i paesaggi cittadini notturni.
Fissata la fonte luminosa cominciate a disegnare le ombre. Ricordate che le ombre sono di due tipi: la prima riguarda la parte dell'oggetto stesso che non è esposta alla fonte luminosa e l'altra è quella che un oggetto proietta sulle altre superfici (per esempio sul terreno).
Per prima cosa dipingete il cielo, scegliete un azzurro molto tenue e lasciate vuoti gli spazi dove volete dipingere le nuvole.
dipingere paesaggio
Cominciate adesso a dipingere il terreno, scegliete colori non troppo forti e neutri per il fondo. Ricordatevi che le cose più sono lontane e meno I colori sono nitidi ed I contorni delineati.

Cominciate quindi a dare delle velature di colore molto leggero nelle parti principali, per rendervi conto dell'effetto cromatico che il dipinto avrà una volta finito. Fate le correzioni che ritenete opportune. In questa fase, la quantità minima di colore usato, vi agevolerà il compito.
Cominciate quindi a rafforzare il colore e correggetelo secondo le vostre esigenze, tenendo sempre conto dell'effetto dell'insieme

tecniche per dipingere paesaggio
Fino ad ora abbiamo curato l'insieme e gli effetti cromatici, adesso continuate cominciando a dipingere i particolari.
Cominciate quindi a rafforzare i colori, senza aver premura di finire ed evitando di concentrarvi solo su una sola parte del quadro, ma valutando sempre l'insieme. Ricordate che nella pittura come nel disegno, è sempre più facile scurire una parte, che schiarirla.

Adesso controllate la LUCE del quadro, chiarite le parti in luce e scurite le parti in ombra. Ricordatevi di fare queste operazioni in modo progressivo e ricordatevi della teoria dei colori e su come dipingere le ombre.
paesaggio Per dare l'effetto della lontananza i fattori principali sono tre:
- L'effetto prospettico. La prospettiva è importante anche in paesaggi di campagna dove non vi sono case. Si applica anche per disegnare strade, file di alberi ecc.
- La dimensione degli oggetti. Gli oggetti più sono lontani, più diventano piccoli.
- I colori, che cambiano col la lontananza.

I colori sfumano e tendono al grigio/azzurro man mano dalle parti più vicine passate a dipingere le parti più lontane e vi avvicinate verso l'orizzonte. Con la lontananza, oltre alla tonalità, i colori anche di intensità cromatica. I corpi lontani, non avranno mai i colori vivaci che si possono avere nella rappresentazione degli oggetti in primo piano.
Ultimate la vostra opera, valutatela nell'insieme e se necessario fate le ultime correzioni.

CONSIGLI UTILI


- Dopo aver finito di dipingere il vostro quadro, mettetelo da parte e non guardatelo per qualche giorno. Quando lo riprenderete, potreste accorgervi di alcuni errori, sia di disegno, che di pittura, che prima non avevate notato. E' una cosa normale, perché l'occhio e la mente si abituano a guardare quello che vedono di continuo. Procedete quindi a correggere il vostro disegno ed i vostri colori, ed eliminate gli errori di pittura.

- Un altro trucco che vi può ritornare utile per evitare questo inconveniente è quello di mettere il quadro davanti allo specchio e guardarlo attraverso di esso. In questo modo vedrete il vostro quadro rovesciato di 180 gradi. Avrete la sensazione di guardare un dipinto nuovo. Anche in questo caso vi accorgerete di errori di pittura e disegno che prima non avevate notato e potrete quindi procedere ad eliminarli.

- Quando il lavoro è finito lasciate che asciughi completamente. Proteggete il lavoro con uno strato di fissativo o di vernice spray. Ambedue hanno una funzione protettiva, ma un effetto diverso. Spruzzate la vernice tenendola a circa 30 cm di distanza, non eccedete nell’ uso, così evitate che la vernice scoli. Lasciate il lavoro in posizione orizzontale. Se ritenete opportuno quando e’ asciutto date un’altra mano di fissativo.