Crea sito
logo L' angolo dell' ARTE Alfredo Ossino
HOME GUESTBOOK TECNICHE DISEGNI TRATTATO PITTURA ECOLOGIA a disegni
GLOSSARIO GALLERIA POESIA MATERIALI STORIA dell'arte Costruire IL PRESEPE
MATERIALI PER L'ARTE
IL DISEGNO (materiali)
ACQUARAGIA e TREMENTINA
ACQUERELLO (materiali)
AEROGRAFO
AGGLUTINANTI-LEGANTI-MEDIUM
ALIMENTI usati in PITTURA
ALLUME e FIELE DI BUE
CARTA
CONSERVANTI DILUENTI
EMULSIONE
FISSATIVO
GESSO, PRIMER e MESTICA
MATITA
MORDENTE e MORSURA
OLI PER DIPINGERE
PASTELLI
PENNELLI
PIROGRAFO, PIROGRAFIA
PITTURA (materiali)
RESINA
TAVOLOZZA
TELE
VERNICE
 

Autore dei contenuti e
Webmaster: Alfredo Ossino


Alfredo Ossino su Google+
Pennello

Materiali usati nel DISEGNO e nella PITTURA
 

PENNELLI
 

Pennelli Assieme ai colori ed il supporto, sono lo strumento fondamentale per realizzare un'opera.

Esiste una vasta gamma di modelli per ogni esigenza. Le dimensioni vengono identificate con numeri che vanno dallo 0 al numero 22. La numerazioni però dipendono dalla marca del pennello, cambiando marca, lo stesso numero può risultare più o meno grosso.

I pennelli possono essere formati da pelo sintetico o da pelo animale.

Il pennello sintetico può essere di varie qualità, nonostante siano sintetici i peli sono molto simili a quelli animali. Sono i pennelli più economici, anche se cambiando qualità, il prezzo varia.

I pennelli animali sono formati da peli di martora, di bue, setole di maiale o anche di altri animali. Sono di qualità migliore di quelli sintetici e resistono di più nel tempo.

I pennelli di bue sono di media qualità, si possono usare con qualunque tipo di pittura senza problemi, costano un pò di più rispetto ai pennelli sintetici ma durano molto di più.

Pennelli di martoraI pennelli di setola di maiale sono molto rigidi e si possono utilizzare solo nei lavori che richiedono questo tipo di caratteristica.

I pennelli di martora sono i più pregiati. Sono precisi e molto morbidi e fluidi, e piacevoli da usare. Hanno però un costo elevato rispetto agli altri tipi di pennelli, ma se vengono trattati con cura durano sicuramente molto a lungo.

I pennelli hanno principalmente tre forme:

Piatto, Rotondo, a lingua di gatto. Ci sono anche altri tipi di pennelli, le cui setole hanno forme particolari, e che vengono usati più raramente per tecniche particolari, ad esempio a ventaglio, a tampone,a cipolla, a spada o il bombasino.
I pennelli piatti, possono essere più o meno rigidi a seconda della tipologia di pelo.
La lunghezza del manico è variabile e dipende dalla marca.

Per cominciare a dipingere è necessario avere almeno 4 pennelli di varia grossezza: di cui alcuni rotondi e gli altri piatti. E' importante anche sperimentare i diversi tipi di pelo per decidere quale usare in futuro. Un buon pennello è importante per la buona riuscita del lavoro.

Come curare i pennelli


Pennello Importantissimo è avere cura dei pennelli, un pennello trattato male si deforma e dura poco.

Se utilizzate colori ad acqua, pulire i pennelli è semplice, basta usare dell'acqua corrente stando attenti a togliere tutti i residui di colore.
Non lasciare incrostare il pennello, dopo averlo usato, lavatelo subito o mettetelo in ammollo nel contenitore per l'acqua (facendo attenzione che non si pieghi la punta ), così il pelo rimarrà morbido in attesa del lavaggio. Ogni tanto potete lavarli con acqua e sapone. Dopo il lavaggio, date alla punta la forma originale e inserite (se c'è) il cappuccio evitando di piegare i peli.
Conservate i pennelli con la punta verso l'alto.

Se avete utilizzato colori ad olio dovrete lavarli prima nell'acqua ragia togliendo tutte le tracce di colore e dopo con acqua e sapone.
Se dopo un pò di tempo che li usate, le setole sono diventate secche, immergeteli in olio di lino per circa mezz'ora, poi lavateli bene con acqua e sapone.