Crea sito
logo L' angolo dell' ARTE Alfredo Ossino
HOME GUESTBOOK TECNICHE DISEGNI TRATTATO PITTURA MATERIALI GLOSSARIO GALLERIA Storia dell'arte ECOLOGIA a disegni POESIA Costruire il PRESEPE
MATERIALI PER L'ARTE
IL DISEGNO (materiali)
ACQUARAGIA e TREMENTINA
ACQUERELLO (materiali)
AEROGRAFO
AGGLUTINANTI-LEGANTI-MEDIUM
ALIMENTI usati in PITTURA
ALLUME e FIELE DI BUE
CARTA
CONSERVANTI DILUENTI
EMULSIONE
FISSATIVO
GESSO, PRIMER e MESTICA
MATITA
MORDENTE e MORSURA
OLI PER DIPINGERE
PASTELLI
PENNELLI
PIROGRAFO, PIROGRAFIA
PITTURA (materiali)
RESINA
TAVOLOZZA
TELE
VERNICE
 

Autore dei contenuti e
Webmaster: Alfredo Ossino
Alfredo Ossino su Google+

Materiali usati nel DISEGNO e nella PITTURA

PIROGRAFIA

pirografare La parola pirografia deriva dal greco e tradotta significa scrittura con il fuoco. Quindi la Pirografia è l'arte di realizzare immagini su un supporto usando degli attrezzi esi incandescenti. L'oggetto tipico di questo uso è il pirografo, ma si possono usare anche punte arroventate o il cannello. 

Il supporto può essere costituito da diversi materiali, i più usati sono : il legno, e la pelle.

E' una forma artistica che risale agli albori della civiltà umana ed ha un suo fascino particolare, quello di creare immagini, in modo indelebile e senza l'uso degli attrezzi che siamo abitualmente abituati ad usare come matite, penne, carboncini o colori.

Con la scoperta dell’elettricità, tenere incandescente uno strumento è diventato più semplice e si può fare con continuità. Di conseguenza, la pirografia si è evoluta ed è stata utilizzata anche nell'industria per marchiare particolari prodotti.

Questa tecnica, può essere anche accoppiata anche con tecniche pittoriche e si ottengono effetti interessanti, anche se a discapito della purezza e dellla freschezza di un lavoro eseguito totalmente in pirografia. Si può per esempio acquerellare leggermente una realizzazione pirografata, ottengono effetti gradevoli.

 pirografo

IL PIROGRAFO

I pirografi sono dei semplici trasformatori elettrici che convertono la corrente elettrica in corrente di bassa tensione. Al trasformatore è collegata (tramite cavo elettrico,) una penna sulla quale si inseriscono delle punte intercambiabili di varia forma e grandezza..

Il pirografo arroventandosi incide la superficie sulla quale viene appoggiato e lascia delle bruciature, che ovviamente alterano il colore del legno, nelle varie gradazioni del marrone a seconda dell’intensità del calore e della pressione esercitata dalla mano.

IL SEGNO
Il segno del pirografo, cambia a seconda del legno sul quale viene usato, a seconda della pressione esercitata e a seconda della temperatura del pirografo (che è regolabile).
Più duro è il materiale del supporto, più il segno è netto.
Prima di realizzare l'opera con il pirografo, conviene realizzare il disegno, in modo da tracciare i segni su una traccia. Infatti, come potete facilmente intuire, questa tecnica, difficilmente ammette gli errori, non è facile fare correzioni.

Attenzione: il pirografo brucia! Evitate quindi di lasciarlo, quando è caldo, alla portata di bambini o animali domestici. Al termine del lavoro, staccate la spina dalla presa di corrente e lasciate raffreddare l'attrezzo in un luogo sicuro.