logo L'angolo dell'ARTE Alfredo Ossino
gessi colorati

GESSI COLORATI


Disegnare con i gessi colorati


gessi colorati I Gessetti sono colori composti da terre in polvere amalgamate a sostanze gommose.
Formano un prodotto poco duro, facilmente sfumabile, ma poco stabile. Si trovano in forma cilindrica o squadrata, avvolti in un in una protezione di carta sulla quale sono stampate le caratteristiche del colore. Disegnare con i gessi colorati è un'esperienza molto interessante, che consiglio a tutti di provare.

disegno gessetti colorati Questi colori sono molto volatili e friabili, anche se hanno il pregio che si mantengono inalterati nel tempo. Ovviamente ne esistono di diverse qualità, che si differiscono oltre che per il prezzo, per la resa cromatica e anche per la stabilità nel tempo.
Si può disegnare su qualsiasi supporto, anche se quello più idoneo da usare è la carta. Ovviamente, la rugosità della superficie che viene usata, consente di ottenere effetti diversi. Una superficie troppo rugosa, può risultare difficile da trattare, ma una superficie troppo liscia, tende a far scivolare il colore.

I gessetti si possono usare facendo rapidi schizzi o sfumandoli delicatamente per ottenere un effetti più pittorico.

La necessità di essere fissati al supporto e protetti con un fissativo, è maggiore rispetto agli altri tipi di colore, altrimenti l'opera si rovina molto facilmente.
Le caratteristiche dei gessi colorati, sono abbastanza simili a quelle del carboncino, ed anche il modo di usarli, la differenza maggiore, consiste nel fatto che si possono ottenere effetti policromatici.

Si possono sfumare con le dita, con un pò di cotone, con lo sfumino o con un tovagliolo di carta molto morbido.

Vista la caratteristica del prodotto, usandolo si creano molte polveri, quindi occorre stare molto attenti a non sporcare il disegno.
Non pulire mai col le mani, ma con un pennello asciutto e morbido ed in modo molto delicato. Bisogna in ogni caso stare attenti a non esercitare troppa pressione sul disegno, per evitare di far appiccicare le polveri da asportare o rimuovere quelle che costituiscono il disegno.

Se è possibile, tenere il disegno in posizione verticale o quasi, per fare in modo che le polveri scivolino via, man mano che si creano.

Per proteggere i colori, e mantene le loro caratteristiche cromatiche inalterate nel tempo, bisogna necessariamente usare un fissativo spray, (ricordarsi di usare una mascherina protettiva antismog) spruzzare ad una distanza di circa 30 cm in modo uniforme prima in senso orizzontale, poi in senso verticale.
Dopo la spruzzatura, e la fase di asciugatura, per evitare scolature, tenere il foglio in modo orizzontale.
Sempre per evitare scolature, spruzzare poco fissativo. Se necessario, dopo che questo si è asciugato, ripetere l'operazione.

fissativo Per evitare di sporcare, usare le stesse precauzioni adottate per il disegno a matita ed il carboncino.

Alcuni artisti usano i gessetti colorati, in manifestazioni estemporanee e dipingono sopratutto all'aperto, sui marciapiedi o sull'asfalto o nelle piazze. Questi artisti vengono comunemente chiamati Madonnari (La madonna è il loro soggetto preferito).

Il loro lavoro produce un risultato di grande qualità per mezzo di una tecnica, che è frutto di un notevole esercizio e di una lunga esperienza, anche se spesso i loro soggetti sono ripetitivi. Ma ci sono anche artisti, che riescono a creare vere opere d'arte all'aperto, spesso anche di dimensioni notevoli, dipingendo soggetti complessi, con la creazione di effetti ottici sorprendenti, che suscitano l'ammirazione degli spettatori.

Purtroppo questi lavori per la loro modalità di esecuzione e per i posti dove vengono realizzati, quasi sempre vanno perduti o per la scarsa durata del materiale o perche addirittura vengono cancellati.
Ci sono però artisti che realizzano veri capolavori con i gessetti colorati. Guardate cosa riesce a realizzare questa artista.

Gessetti colorati Paesaggio con gessi colorati
Zaria Forman - paesaggio marino
disegno gessetti colorati pittura madonnari
Foto tratte dal sito dell'Associazione Madonnari d'Italia